Calcio Italiano «Ibrahimovic felice di restare all’Inter»

«Ibrahimovic felice di restare all’Inter»

550

Incontro con Moratti, poi il procuratore dello svedese: «Non credo si muoverà»

 

IbrahimovicPer chiarire la vicenda Ibrahimovic ieri è inter­venuto il presidente Massimo Morat­ti. Stanco dei dubbi disseminati sul suo futuro dall’attaccante svedese in varie interviste e in attesa di incon­trare di persona il giocatore, magari dopo che l’Inter si sarà cucita sul petto il diciassettesimo scudetto, a metà pomeriggio il numero uno di corso Vittorio Emanuele ha ricevuto nei suoi uffici in pieno centro l’agen­te dell’attaccante, Mino Raiola. Un’ora di faccia a faccia per parla­re di futuro. Sarà stato un incontro decisivo? Difficile dirlo. Di certo c’è che Moratti ha spie­gato a Raiola che non sono arrivate offerte di nessun tipo per Ibrahi­movic, che lo vuole te­nere e che potrebbe pensare di privarsene solo di fronte a una pro­posta irrinunciabile. Raiola dal canto suo ha chiarito il senso delle dichiarazioni di Ibra e il suo stato d’animo dopo l’eliminazione europea, ha espresso i dubbi sul modo di giocare dell’In­ter attuale e ha fatto capire che Zla­tan gradirebbe una squadra ancora più competitiva per dare l’assalto al­la Champions. Le parti si sono la­sciate con una stretta di mano e un clima decisamente rasserenato, ma anche con l’accordo di risentirsi a campionato vinto o se arriverà un’offerta irrinunciabile da una del­le grandi europee. L’indiziata nume­ro uno rimane il Real Madrid. Il Manchester City, anche se bussasse alla porta nerazzurra, non sarebbe preso in considerazione. Ibra, oggi atteso ad Appiano per la ripresa de­gli allenamenti, vuole solo un top club.

RESTA – Intercettato al termine del colloquio con Moratti da Claudio Ga­rioni di Telelombardia, Raiola ha af­fermato che il suo assistito non ha in­tenzione di lasciare l’Inter. «Non c’e’ nulla da dire: il rapporto è talmente forte che se ci fosse stato qualcosa, l’avremmo già risolto. Zlatan è felice di rimanere qui e non credo che que­st’estate si muoverà. Ha chiesto rin­forzi? L’Inter ha un direttore sporti­vo, un presidente ed un allenatore. Lui fa il giocatore e non chiede inve­stimenti né garanzie»


Fonte: Gazzetta dello sport di Andrea Ramazzotti

Booking.com