Calcio Italiano Allegri tiene alta la concentrazione: «Dopo la sosta non è mai facile»

Allegri tiene alta la concentrazione: «Dopo la sosta non è mai facile»

409

Max AllegriMister Massimiliano Allegri, in conferenza stampa a Vinovo, ha presentato JuventusUdinese partendo dalle insidie che nasconde la partita di domani: “La sfida dopo la sosta è sempre la più complicata. Non sono tanto preoccupato dagli infortuni, dato che ho fuori solo Pjaca, Asamoah e Rugani, quanto dalla condizione di chi è ritornato, dopo lunghe ore di volo“.

Molti hanno disputato ottime partite e hanno vinto, Mandzukic per esempio ha segnato 4 gol, credo siano tutti carichi. Devo solo capire, fra oggi e domani, come hanno recuperato. Abbiamo avuto, prima della sosta, un inizio con partite difficili, adesso ci attende un altro ciclo di sette sfide ravvicinate, che dobbiamo affrontare al massimo“.

A cominciare da quella dello Stadium: “Non sarà per niente semplice, l’Udinese ha ottimi giocatori e ha appena cambiato allenatore, il che dà una scossa all’ambiente. Inoltre Delneri è un bravissimo tecnico, senza ovviamente nulla togliere a Iachini: domani dovremo affrontare la partita con umiltà, perché anche se è scontato partiamo da zero a zero. Consapevoli che se vinciamo, sarà una vittoria in meno di quelle che dobbiamo portare a casa per vincere lo Scudetto, e che – sempre in caso di successo – comunque vada domani fra Roma e Napoli, su una delle due squadre avremo guadagnato punti. O magari su tutte e due. Ad ogni modo, ci sono tantissimi punti a disposizione, quindi la logica è sempre quella di affrontare le partite una per una“.

Domani restiamo in testa, comunque vada – continua AllegriE questo è un dato di fatto: ci aspettiamo di essere sostenuti dai nostri tifosi, la loro spinta sarà importante“.

Capitolo rientri: “Benatia sta bene, ieri ha fatto un buon allenamento, oggi torna Bonucci dopo due giorni di riposo. Marchisio? Parlerò con lui e lo staff medico, ha disputato una buona partitella di 45 minuti, ma i pericoli sono dietro l’angolo: e non alludo tanto al ginocchio, quanto magari a insidie muscolari. L’ideale sarebbe dargli spazio di partita in partita, ma dipende dalle situazioni. Claudio è un giocatore importante, ma non dobbiamo correre rischi inutili“.

Cuadrado può anche fare il terzo d’attacco, lo ho provato a Zagabria. In difesa domani ho Barzagli, Chiellini e Benatia di certo, poi anche Evra all’occorrenza può fare il centrale. In attacco, probabilmente giocherà uno fra Dybala e Higuain“. Quanto a Lemina, “Lo vedo come centrale nel suo futuro, ma al momento rende meglio come mezzala“. E infine una parola su Buffon: “Criticarlo per un errore di piede è semplicemente una bestemmia. Per Gigi parlano i fatti, avrà fatto quattro o cinque errori in carriera, capitano a tutti, potranno succedere anche a un portiere…“.

www.juventus.com

 

Booking.com