Mondiali Russia 2018 Bauza predica ottimismo ma deve battere la Colombia

Bauza predica ottimismo ma deve battere la Colombia

267

Edgardo BauzaL’Argentina deve “rischiare e vincere” contro la Colombia nel match di martedì dopo la debacle contro il Brasile. E’ questo il messaggio riportato domenica dal tecnico Edgardo Bauza alla squadra albiceleste, la cui corsa verso la prossima Coppa del Mondo si è complicata.

Abbiamo bisogno della squadra per migliorare, sia in termini di gioco che di singoli per uscire da questa situazione“, ha detto Bauza.

L’Argentina si trova al sesto posto e in questo momento sarebbe esclusa anche dal play-off con la vincitrice del girone dell’Oceania. La Colombia, invece, proverà a difendere con le unghie e con i denti l’attuale terza posizione.  Le due squadre si troveranno faccia a faccia martedì allo stadio Bicentenario , situato nella provincia di San Juan, a 1.030 km a ovest di Buenos Aires.

La Colombia ha “giocatori importanti, individualità di spicchio e dovremo lavora per contrastare le loro qualità. Dobbiamo vincere e dobbiamo rischiare“, ha proseguito Bauza.

Il tecnico argentino sta studiando la miglior formazione possibile, nonostante il suo lavoro sia complicato dalle piogge torrenziali che si stanno abbattendo sulla tenuta della AFA a Ezeiza, a 30 km a sud di Buenos Aires. Bauza ha provato Lucas Pratto al posto di Gonzalo Higuain: “Non è ancora confermato. Ho 26 giocatori e tutti sono in grado di giocare“.

La sconfitta col Brasile potrebbe avere ripercussioni sul morale di Messi e compagni: “Dobbiamo fare una buona partita e vincere, non cercare scuse. In campo sarà una battaglia e siamo desiderosi di fare una buona partita e di vincerla“.

Bauza ha ammesso che l’Argentina sta attraversando un momento “complicato, fatto di molti punti persi per strada“, ma ha detto che “la qualificazione alla prossima Coppa del Mondo non è mai stata in discussione. Siamo in una situazione difficile. I punti persi fanno male ma tutto dipende da noi e il gruppo adesso deve far vedere le qualità di cui dispone“.

Il ct ha inoltre commentato le dichiarazioni di Javier Mascherano, arrivate dopo il ko in Brasile. Il giocatore del Barcellona aveva detto che la squadra aveva “toccato il fondo“. “Trovo sano esprimere ciò che si sente e non rifugiarsi in frasi fatte. Questo ci consente di dar fondo alla rabbia che abbiamo dentro di noi e ci può aiutare a risolvere i nostri problemi. Siamo consapevoli della situazione in cui ci troviamo“, ha risposto Bauza.

Per quanto riguarda le voci di una sua eventuale partenza se l’Argentina dovesse perdere con la Colombia, Bauza ha preferito glissare. “Quello che mi preoccupa non è la mia situazione. A Quito mi hanno portato fuori dallo stadio nella macchina della polizia. Quattro mesi dopo eravamo campioni d’America e mi hanno fatto una statua d’oro“. Il riferimento è alla Coppa Libertadores vinta dalla squadra ecuadoriana nel 2008.

Booking.com