Calcio Mercato Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA: Trattativa sottobanco con Luisao

Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA: Trattativa sottobanco con Luisao

1445

Luisao, difensore del Benfica

Luisao, difensore del Benfica

Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA: Trattativa sottobanco con Luisao. L’hanno presa male e adesso passano al contrattacco. La trattativa sottobanco tra la Juventus e l’entourage di Luisao, ancora sotto contratto per un anno, hanno fatto andare su tutte le furie il Benfica.

Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA: Trattativa sottobanco con Luisao. Il Benfica minaccia la Juventus: “Basta contatti diretti con Luisao o vi denunceremo alla Fifa”. Il difensore brasiliano è nel mirino del club bianconero, ma è sotto contratto col Benfica di cui è tra l’altro capitano. Secondo il giornale portoghese, il presidente Luis Filipe Vieira avrebbe mandato una protesta alla Juve intimandole di interrompere i contatti col suo giocatore: “Se non interromperete subito le comunicazioni con l’agente del difensore Luisao – scrive O Jogo -, il Benfica presenterà una denuncia alla Fifa, ai sensi del paragrafo 3 dell’articolo 18 del regolamento Fifa secondo il quale un club che desidera tesserare un giocatore professionista deve trattare prima con la sua società, presentando anche una richiesta per iscritto e solo dopo trattare con il giocatore”. E quello che era un semplice malcontento s’è trasformato in una minaccia, riportata dal giornale lusitano O Jogo.

Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA. Scoppia il caso Luisao. Una grana internazionale che rischia di coinvolgere anche la Fifa. Il Benfica, infatti, è pronto a rivolgersi alla Federazione internazionale dopo l’insistente pressing sottobanco della Juventus per il difensore.

Il Benfica denuncia la Juve alla FIFA. La Vecchia Signora, infatti, avrebbe già un accordo di massima con il 33enne centrale brasiliano, ma non ha mai avvertito il Benfica. Infastidita, la formazione lusitana ha prima avvisato i bianconeri, ma non ricevendo risposta è passata al contrattacco.

Booking.com