Calcio Italiano Serie A Botta e risposta, Benatia-Pallotta: “Il marocchino ha mentito”

Botta e risposta, Benatia-Pallotta: “Il marocchino ha mentito”

Mehdi Benatia e Rudi GarciaBotta e risposta, Benatia-Pallotta: “Il marocchino ha mentito”. Continua ancora la polemica tra l’ex giallorosso Mehdi Benatia, ora al Bayern Monaco ed il presidente della Roma James Pallotta. Il calciatore sostiene che è stato costretto a lasciare la Roma per problemi di “cassa giallorossa”, mentre il presidente dichiara il contrario ed assume una dura presa di posizione.

Botta e risposta, Benatia-Pallotta: “Il marocchino ha mentito”. Prima intervista da calciatore del Bayern Monaco per Mehdi Benatia, centrale ex Roma. A “Kicker” il giocatore marocchino torna sul suo addio al club giallorosso: “Ho parlato con Sabatini che mi ha detto la volontà del club era quella di tenermi, ma che avevano anche bisogno di fare cassa. Una cosa, questa, che mi ha dato fastidio. Io volevo rimanere. Mi cercavano Chelsea e City, ma ci sono stati contatti anche con Barcellona e Real Madrid. Io però sono felicissimo di essere al Bayern”.

Non si è fatta attendere la replica della Roma sulle dichiarazioni dell’ex giallorosso ed il presidente assume una dura presa di posizione, che tramite il sito ufficiale della Roma ha risposto alle dichiarazioni di Mehdi Benatia: “È evidente come Mehdi Benatia abbia continuato a costruire il proprio castello di invenzioni negli ultimi due mesi. Lo scorso mese di luglio, a Boston, avevamo raggiunto un accordo verbale che prevedeva un adeguamento e un aumento salariale. Dopo avergli detto in maniera esplicita e tassativa che volevamo che rimanesse con noi, mi ha detto di esserne molto felice. Nel corso del mese successivo ha mentito, sia a Rudi Garcia che ai suoi compagni di squadra, sulla sua reale volontà di restare e sulle cifre dell’adeguamento. Il fatto che abbia mentito a me è qualcosa con cui posso in una certa misura fare i conti. Aver mentito a Rudi Garcia e ai suoi compagni lo ritengo assolutamente inaccettabile. A Walter Sabatini ho detto che stava avvelenando lo spogliatoio e che lo volevo fuori: sia Rudi che Walter hanno concordato con me. Non è stata una questione di denaro, è stata una questione di personalità nel nostro spogliatoio. La nostra posizione finanziaria è molto solida. Come proprietari della Roma siamo chiamati costantemente a prendere decisioni difficili. Come tifoso della Roma, sono profondamente deluso che un nostro calciatore si sia comportato in questo modo”

Booking.com