Calcio Mercato Calciomercato, rivoluzione Milan: In partenza Boateng, Robinho e El Shaarawy

Calciomercato, rivoluzione Milan: In partenza Boateng, Robinho e El Shaarawy

738

L’agente del ghanese avvistato a Milano per discutere di un’offerta del Chelsea di Mourinho, mentre il Manchester City è pronto a investire ben 40 milioni per il Faraone. Due sacrifici, come furono quelli di Ibrahimovic e Thiago Silva l’anno scorso, per ridare ossigeno alle casse rossonere e per investire sul mercato su giocatori più compatibili con Balotelli; in partenza anche Robinho.

el shaarawyProprio come un anno fa. Anche se nessuno, Galliani in primis, potrà mai confermarlo. Come un anno fa, appunto. Quando a partire, tra lacrime e rimpianti, furono a sorpresa Thiago Silva e Ibrahimovic. Sacrifici necessari per ridare ossigeno alle casse rossonero. Una mossa che, salvo sorprese, potrebbe essere ripetuta anche in questa sessione di calciomercato, nonostante quel terzo posto ottenuto sul filo di lana che però ad oggi garantisce esclusivamente un pass per i preliminari di Champions.

BOATENG SE NE VA, C’E’ MOURINHO – Il primo a salutare dovrebbe essere proprio ghanese. Nonostante il cambio di modulo annunciato nell’ultima settimana, che poterà Allegri a riutilizzare il trequartista (ruolo che il Boa adora, ndr), la sensazione è che dopo tre stagioni il matrimonio sia arrivato al capolinea. Gli indizi sono molti, a cominciare dalla presenza del manager del giocatore – Roger Wittmann a Milano nella giornata di giovedì. Un colloquio cordiale con Galliani, in cui il procuratore tedesco ha spiegato come il suo assistito abbia deciso di cambiare aria. Nessun problema, la risposta dei dirigenti rossoneri, a patto che arrivi un’offerta cash da almeno 15 milioni di euro. Una cifra che Mourinho è pronto a investire per portare Boateng a Londra. Proprio per questo, lo stesso Wittmann volerà oggi (sabato, ndr) proprio a Londra per riportare la notizia ai dirigenti dei Blues. Nelle prossime settimane potrebbe arrivare anche la fumata bianca. Galliani si è già tutelato col giovane Saponara e, dopo la cessione del Boa, potrebbe portare l’assalto decisivo ad Alessandro Diamanti, indicato da Allegri come il trequartista ideale del suo ‘nuovo’ Milan.

PARTONO ANCHE ROBINHO ED EL SHAARAWY? – Ma non è finita qui. Robinho è destinato al Santos, che cerca il sostituto di Neymar. Il brasiliano guadagna molto per il nuovo corso rossonero. Il suo sacrificio potrebbe essere necessario per poi puntare su un giovane con delle caratteristiche diverse, anche dal punto dell’ingaggio. Ma la vera sorpresa è rappresentata dalla volontà rossonera di aprire a una possibile cessione di Stephan El Shaarawy. Il Faraone è incedibile, o quasi. Perché di fronte a un’offerta cash da almeno 40 milioni di euro Galliani si metterebbe a un tavolo a trattare. E il Manchester City, che aspetta ancora di ufficializzare Pellegrini come successore di Mancini, è pronto al colpo dopo aver investito la stessa cifra per il centrocampista brasiliano dello Shakhtar, Fernandinho. Altri 40 milioni di euro per strappare il Faraone al Milan, soprattutto dopo il sorpasso del Chelsea su Cavani. Con queste tre cessioni, il Diavolo potrebbe incassare circa 60-70 milioni di euro. Più o meno la stessa cifra ottenuta l’anno scorso con Ibra e Thiago Silva. Non può certo essere un caso.

Booking.com