Calcio Mercato Calciomercato, Ufficiale: Josè Mourinho è il nuovo allenatore del Chelsea

Calciomercato, Ufficiale: Josè Mourinho è il nuovo allenatore del Chelsea

826

Dopo l’annuncio-gaffe del sito della Premier League, arriva l’annuncio ufficiale da parte del Chelsea. Il portoghese ha firmato un contratto quadriennale. “Sono felici di annunciare il suo ritorno, il suo successo e la sua voglia di vincere hanno fatto di lui la nostra prima scelta”, ha detto l’ad dei Blues Ron Gourlay.

mouAdesso c’è anche l’ufficialità: José Mourinho è il nuovo allenatore del Chelsea. L’annuncio è arrivato sul sito del club inglese. Per il tecnico di Setubal contratto di quattro anni con i Blues, dove ha già allenato tra il 2004 e il 2007 conquistando due Premier League, una FA Cup e due Coppe di Lega.

“Sono lieto di dare il bentornato a Josè – le parole dell’amministratore delegato, Ron Gourlay – I suoi continui successi, la sua ambizione ne hanno fatto un candidato di primo livello. È il nostro obiettivo continuare a ottenere grandi vittorie e Josè è la nostra scelta numero uno, crediamo sia l’allenatore giusto per vincere ancora”.

Che Mourinho tornasse a Stamford Bridge era ormai cosa nota, tanto che lo stesso Florentino Perez lo aveva confermato ieri mentre lo Special One, partendo alla volta di Londra, aveva ammesso che entro la fine della settimana sarebbe arrivata l’ufficialità. Mou, dunque, torna a casa (“sento che la gente lì mi ama e nella vita bisogna cercare questo. La vita è bellissima e breve e bisogna cercare cosa pensi sia meglio per te”, aveva detto ieri a una tv spagnola), per riprendere da dove aveva lasciato.

Portato a Londra nel 2004 da Abramovich dopo aver conquistato la Champions col Porto, il 50enne tecnico di Setubal aveva impiegato pochi mesi per portare a casa il primo trofeo, la Coppa di Lega vinta nel febbraio 2005 dopo aver battuto il Liverpool 3-2 ai supplementari. Ma il successo più grande arriva a fine stagione, con la conquista del titolo atteso 50 anni con 95 punti e appena 15 gol concessi. Il suo grande cruccio sarà la Champions, dove per due volte si ferma in semifinale, e nel settembre 2007 arriva la rottura con Abramovich.

La carriera di Mourinho proseguirà poi all’Inter e quindi al Real Madrid, col suo palmares che si arricchisce di un’altra Champions, due scudetti, una Coppa d’Italia, una Supercoppa Italiana, una Liga, una Coppa del Re e una Supercoppa di Spagna. Ora il ritorno a Stamford Bridge, per provare a vincere l’unica cosa che gli è mancata nella sua prima avventura, la Champions. Nello staff di Mourinho, che sarà presentato a Londra il prossimo 10 giugno, i fedelissimi Rui Faria, Silvino Louro e Jose Morais. Con loro Steve Holland, Christophe Lollichon e Chris Jones, già collaboratori di Benitez nell’ultima stagione.

Booking.com