Calcio Italiano Lega Pro Unica CALCIOSCOMMESSE, sentenza Corte d’Appello: In Lega Pro Catania -9 e Teramo -6

CALCIOSCOMMESSE, sentenza Corte d’Appello: In Lega Pro Catania -9 e Teramo -6

Corte FederaleCALCIOSCOMMESSE, sentenza Corte d’Appello: In Lega Pro Catania -9 e Teramo -6. Arrivata la sentenza della Corte d’Appello Federale sul sull’inchiesta “Dirty Soccer”, “Caso Catania” e “Savona-Teramo”.

CALCIOSCOMMESSE, sentenza Corte d’Appello: In Lega Pro Catania -9 e Teramo -6. I giudici della Corte Federale hanno deciso per la retrocessione del Catania in Lega Pro con una penalizzazione di 9 punti, più ammenda di 150mila euro, da scontare nel campionato 2015-2016. Il Teramo deve rinunciare alla Lega B e nella prossimo campionato sarà costretto a giocare ancora in Lega Pro partendo però da -6 in classifica. Anche il Savona, che era coinvolto nella stessa combine con il Teramo, si è visto accogliere parzialmente il ricorso dalla Corte Federale d’Appello, risalendo in Lega Pro, ma, come gli abruzzesi, sarà costretto a partire da -6 in classifica. Sia al Teramo che al Savona è stata inoltre inflitta un’ammenda di 30mila euro. Infine, la Corte d’Appello della Federcalcio ha parzialmente accolto i ricorsi del procuratore Palazzi ed ha disposto la retrocessione “all’ultimo posto in classifica nella stagione sportiva appena conclusa”, di Torres e Vigor Lamezia. In pratica, i due club sono ora esclusi dalla Lega Pro e retrocessione il Lega D. I sardi sono anche stati multati di 15mila euro, i calabresi di 30mila.

Il presidente del Catania Antonino Pulvirenti ha invece rinunciato al ricorso e resta inibito per 5 anni con un multa di 300mila euro. Respinto il ricorso dell’ex amministratore delegato, Pablo Cosentino: squalifica per 4 anni con multa di 50mila euro. 5 anni di inibizione più la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC per Piero Di Luzio, con ammenda ridotta da 150mila euro a 50mila euro.

La Corte ha parzialmente accolto il ricorso del presidente del Teramo, Luciano Campitelli, riducendo la sua inibizione da quattro a tre anni; è stata, altresì, mantenuta l’ammenda di 100mila euro.  Prosciolto, invece, il patron del Savona, Aldo Dellepiane.

Alla luce delle decisioni, il Consiglio Federale di lunedi’ che dovrà promulgare i ripescaggi: Entella e Ascoli al posto di Catania e Teramo in Lega B, Pro Patria e Messina in Lega Pro al posto di Torres e Vigor Lamezia. Intanto, in attesa del terzo grado, Collegio di Garanzia del Coni, i calendari possono essere completati e tutte quelle lettere della Lega B e Lega Pro verranno completate dallesquadre  ripescate.

 

Booking.com