Coppe Champions: aspettando Arsenal-Manchester United

Champions: aspettando Arsenal-Manchester United

380

Arsene WengerArsenal e Manchester United si ritrovano stasera all’Emirates per il ritorno della semifinale di Champions League. Si riparte dall’1-0 per i Red Devils determinato nel match d’andata disputato mercoledì scorso all’Old Trafford da un gol di O’Shea. Un successo di misura che, alla luce della marcata supremazia territoriale esercitata per lunghi tratti dell’incontro, degli ottimi interventi effettuati da Almunia e della traversa colpita da Ronaldo, ha lasciato allo United comprensibili rammarichi. L’Arsenal, forte dei 21 risultati utili consecutivi in Premier League, del successo interno ottenuto nel precedente di campionato e del fatto di essere riuscita a mantenere sempre inviolata la propria porta nelle cinque gare disputate all’Emirates in questa edizione della Champions League, confida di poter ribaltare il risultato e conquistare, conseguentemente, l’accesso alla finale della manifestazione in programma il prossimo 27 maggio all’Olimpico di Roma. Superare il Manchester United con due reti di scarto o spingerlo quanto meno ai supplementari non sarà comunque impresa facile per i Gunners. I Red Devils che in stagione si sono già assicurati Community Shield, Mondiale per Club, Carling Cup e sono ad un passo dal laurearsi campione d’Inghilterra vantando a quattro turni dal termine del torneo tre punti in più di Liverpool e Chelsea con una gara da recuperare non perdono in Champions da 24 partite (semifinale di ritorno disputata a San Siro contro il Milan nel maggio del 2007) e, nelle ultime sette esibizioni esterne nella massima competizione continentale, hanno subito soltanto una rete.

Per quanto concerne il fronte formazioni entrambi i tecnici possono trarre motivi per sorridere. Arsene Wenger privo degli infortunati Gallas, Clichy, Rosicky, Eduardo e impossibilitato a schierare Arshavin in Champions recupera in extremis Silvestre e Van Persie. I Gunners si dovrebbero disporre con Almunia tra i pali, Sagna, Tourè, Silvestre e Gibbs in difesa; Walcott, Song, Fabregas e Nasri a centrocampo, Van Persie e Adebayor in attacco. Sul versante opposto Alex Ferguson che deve sempre fare a meno di Neville e Hargreaves dovrebbe, invece, poter disporre sia di Ferdinand che di Evra. I Red Devils si disporranno con ogni probabilità in campo con Van der Sar in porta; O’Shea, Ferdinand, Vidic ed Evra a costituire il pacchetto arretrato; Carrick davanti alla difesa; Ronaldo, Anderson, Fletcher e Rooney a sostegno dell’unica punta Tevez.


Fonte: R. Datasport, DTS

Booking.com