Coppe Europa League Il tecnico Christiansen racconta l’APOEL delle meraviglie

Il tecnico Christiansen racconta l’APOEL delle meraviglie

360

Thomas ChristiansenIncaricato di portare un po’ di Barcellona a Cipro, il tecnico Thomas Christiansen ha iniziato alla grande in UEFA Europa League. Dopo l’uscita agli spareggi di UEFA Champions League, l’APOEL ha vinto contro l’Astana alla prima giornata della fase a gironi e 1-0 contro l’Olympiacos alla seconda. Per tutta l’isola, molto vicina alla Grecia, è stato un vero trionfo, anche perché molti dei suoi abitanti tifano proprio Olympiacos.

È stato molto importante per la squadra, i tifosi e la società – ha commentato Christiansen a UEFA.com a proposito della prima vittoria esterna dell’APOEL in una fase a gironi -. La squadra ha acquisito fiducia perché ha capito di poter vincere in uno stadio come quello dell’Olympiacos e contro una squadra che ha giocato per molti anni in Champions League“.

Il tecnico, 43 anni, è stato assunto a maggio dopo due buone stagioni all’AEK Larnaca, dove ha introdotto alcuni metodi che aveva imparato da Johan Cruijff quando giocava al Barcellona. “Volevo continuare anche all’APEOL, ma c’erano altri giocatori e dovevo trovare altri sistemi, altre soluzioni – spiega –. Ora giochiamo in un modo un po’ diverso, ma con la stessa mentalità“.

Nato in Danimarca da padre danese e madre spagnola, Christiansen è stato acquistato dal Barcellona da giovanissimo, imparando molto nei primi mesi di allenamento con Cruijff. “Con lui il calcio era un’altra cosa – ha commentato il danese, che pur non avendo mai giocato in Liga ha disputato la Supercoppa UEFA 1992/93 e ha collezionato due presenze nella Spagna la stessa stagione –. Ogni giorno imparavi qualcosa di nuovo, anche da giocatori come Guardiola, Laudrup, Koeman, Stoichkov, Romário“.

La squadra dell’ex Bochum e Hannover non sarà spumeggiante come il Barcellona, ma si è dimostrata molto difficile da battere. L’attaccante Pieros Sotiriou segna gol importanti, come quello contro l’Olympiacos, mentre il portiere Boy Waterman, l’esterno Yannis Gianniotas e i centrali Carlão e Giorgos Merkis sono modelli di grande solidità.

L’APOEL è in testa al Gruppo B con sei punti e, in caso di vittoria contro lo Young Boys alla terza giornata, totalizzerà il suo più alto numero di punti in una fase a gironi europea. “Se giochiamo come contro l’Olympiacos possiamo farcela – conclude Christiansen, consapevole che i sedicesimi sarebbero un grande traguardo –. Per ora l’importante è questo. La nostra missione è arrivare lontano“.

http://it.uefa.com/

Booking.com