Calcio Mercato Conte smentito, nell’ultimo quinquennio di mercato Juve e Napoli in rosso, Milan...

Conte smentito, nell’ultimo quinquennio di mercato Juve e Napoli in rosso, Milan e Inter ok

Il tecnico bianconero non è aggiornato sui conti della sua squadra.  Antonio Conte a voce alta dichiara che la sua Juve non ha speso tanto sul mercato ma i numeri raccontano un’altra storia. Secondo il portale specializzato transfertmarkt.it, infatti, la Juventus  negli ultimi cinque anni ha chiuso il bilancio di calciomercato con un rosso pazzesco: oltre 190 milioni di euro. Negli ultimi tre anni, ovvero da quando le campagne acquisti sono state ‘pilotate’ da Conte, le spese ammontano a oltre 125 milioni di euro a fronte di un incasso, maturato nel mercato estivo appena concluso, di poco più di 4 milioni e mezzo che porta il saldo negativo effettivo,  a 120 milioni di euro circa. Il Napoli non si scosta molto dalla Juventus, i partenopei negli ultimi cinque anni hanno chiuso il bilancio con meno 121 milioni di euro, negli ultimi tre invece con un rosso di poco più di 64 milioni fra acquisti e cessioni.

La grande più virtuosa è il Milan, per i rossoneri sono 26 i milioni di utili negli ultimi cinque anni, mentre dalla stagione 2011-12 a quella attuale il diavolo ha chiuso con un segno meno pari a sei milioni di euro. L’Inter, invece, che viene spesso additata come club sprecone di quattrini ha chiuso gli ultimi cinque bilanci in positivo, ovvero con quasi sei milioni di euro di saldo attivo. Nelle ultime tre stagioni però il trend nerazzurro è cambiato facendo registrare un segno meno pari a 22 milioni di euro. La regina in assoluto della statistica elaborata da transfertmark.it è l’Udinese che ha chiuso il quinquennio 2010-14 con un saldo attivo di 118 milioni di euro. Nelle ultime tre stagioni l’incasso è stato di oltre 83 milioni.

Antonio Conte, prima si spararle grosse, è opportuno che si vada a documentare e leggere attentamente i bilanci della Juventus e delle altre squadre, per evitare che ogni volta che apre la bocca, mette in funzione i soliti  “pianti cinesi”

Booking.com