Coppe Coppa UEFA: Arriva il Werder, non si può sbagliare

Coppa UEFA: Arriva il Werder, non si può sbagliare

476

Carlo Ancelotti prova a caricare i suoi in vista del ritorno dei sedicesimi di Uefa a San Siro contro il Werder Brema. Prima del match verrà osservato 1 minuto di silenzio in ricordo della signora Maria Antonietta Berlusconi, sorella del presidente rossonero, scomparsa nella notte

 

InzaghiCarlo Ancelotti cerca di dare un tono alla gara di ritorno dei sedicesimi di Coppa Uefa che il Milan affronta giovedì a San Siro contro il Werder Brema. “E’ solo una partita di Coppa Uefa, ma noi la consideriamo come una sfida da Champions League“.

Al club di Via Turati l’aria europea serve per vivere: “Il nostro obiettivo primario in questo momento è arrivare tra le prime tre in campionato – premette Ancelotti – però vogliamo anche un’altra finale europea e vincere contro il Werder spianerebbe la strada”. Come reagirà la squadra alle critiche del presidente Silvio Berlusconi e ai fischi incassati dall’allenatore domenica scorsa al Meazza? “Siamo abituati a gestire bene la pressione e non mi spaventa. Anzi, più ce n’é e più abbiamo possibilità di caricarci di energia”.

In conferenza stampa qualcuno prova a far tornare alla mente al tecnico rossonero qualche cattivo pensiero sul derby contro l’Inter e le polemiche che ne sono seguite: “Mourinho? Il mio pensiero è sempre uguale”, taglia corto Ancelotti, senza nemmeno entrare nel merito del paragone tra il pugno costato ad Adriano una squalifica di tre giornate e una presunta azione simile di Inzaghi contro cui ha puntato il dito l’allenatore dell’Inter: “Su questo non c’é neanche da rispondere”. E sul match dell’Inter di martedì non si scompone: “Ho visto una bella gara, dominata dagli inglesi nel primo tempo e dall’Inter nella ripresa”, spiega il tecnico, che è pronto a scommettere il passaggio del turno sia dei nerazzurri sia della Roma.

Intanto rientra leggermente l’emergenza attacco: Kakà e Ronaldinho sono ancora fuori ma dovrebbero essere recuperabili per il prossimo match di campionato contro la Sampdoria, mentre tornano a disposizoone Pato e Shevchenko. L’ucraino dovrebbe comunque partire dalla panchina per lasciar spazio dal 1′ alla coppia Pato-Inzaghi. I precedenti sorridono ai rossoneri: è infatti il terzo confronto ufficiale tra le due squadre in Italia e finora ha sempre vinto il Milan, 1-0 nella Coppa dei Campioni 1988/89 e 2-1 nella Champions League 1993/94.

I rossoneri questa sera giocheranno con il lutto al braccio per la morte della sorella di Silvio Berlusconi, Maria Antonietta, scomparsa improvvisamente la scorsa notte. Prima dell’inizio della gara verrà anche osservato a San Siro un minuto di silenzio.


Fonte: Davide Bighiani / Eurosport

Booking.com