Coppe Coppa Uefa – Il Metalist passa a Marassi: Oliynyk gela la Samp

Coppa Uefa – Il Metalist passa a Marassi: Oliynyk gela la Samp

663

oliynykIl Metalist s’impone per 1-0 sulla Sampdoria nella gara andata dei sedicesimi di finale di Coppa Uefa disputata a Marassi. Il successo della compagine ucraina, riuscita per la quinta volta consecutiva nella manifestazione a mantenere la propria porta imbattuta, è sancito da una rete di Oliynik al 48’ del primo tempo.

Walter Mazzarri privo oltre che di Pazzini (escluso dalla lista Uefa per aver preso parte alla Champions League con la maglia della Fiorentina) anche degli infortunati Accardi, Campagnaro, Gastaldello e Delvecchio si affida ad un 3-5-2 che davanti a Castellazzi prevede Stankevicius, Lucchini e Raggi in difesa; Padalino, Dessena, Palombo, Franceschini e Ziegler a centrocampo; Bellucci e Cassano in attacco. Sul fronte opposto Markevich che può disporre della rosa al completo propone un 3-5-1 con Jaja unica punta.

I padroni di casa si rendono pericolosi per primi con Padalino che, liberato al tiro da una sponda di Cassano, conclude sull’esterno della rete al 10’. Il match non riserva altre particolari emozioni sino al 21’ quando Goryainov, estremo difensore del Metalist, sin rende protagonista di una tempestiva uscita sui piedi di Padalino lanciato magnificamente da Cassano. Sul capovolgimento di fronte i blucerchiati vengono graziati da Sliusar che da pochi passi non riesce ad inquadrarlo specchio della porta difesa da Castellazzi. Nella seconda metà della prima frazione le due contendenti si fronteggiano con determinazione all’altezza della linea mediana faticando però ad imbastire particolari opportunità da rete. In piena fase di recupero il Metalist gela Marassi portandosi in vantaggio al 48′ con un colpo di testa di Oliynyk.

Alla ripresa delle ostilità le squadre si presentano in campo con i medesimi effettivi. I blucerchiati fanno registrare una certa supremazia a livello territoriale e al 53’ reclamano invano la concessione di un calcio di rigore su Bellucci. Sul versante opposto Castellazzi evita al 57’ il raddoppio ucraino producendosi in un’ottima deviazione in angolo. Mazzarri, quasi allo scoccare dell’ora di gioco, inserisce forze fresche a centrocampo proponendo Sammarco e Pieri rispettivamente per Dessena e Franceschini. I tentativi a rete effettuati da Sliusar per il Metalist al 63’ e da Sammarco per la Sampdoria al 65’ si spengono sul fondo. Un minuto più tardi Padalino, autore di un’interessante iniziativa sulla corsia di destra, si allunga troppo la sfera nell’ultimo controllo. Mazzarri al 74’ esaurisce i cambi a sua disposizione inserendo Marilungo al posto di Ziegler. Il finale di gara vede la Sampdoria presentarsi con una certa continuità nei pressi dell’area avversaria. Il Metalist si difende però con ordine conducendo in porto il prezioso successo esterno.

Fonte: R. Datasport, DTS

Booking.com