Calcio Estero Cristiano a un gol da Platini, ma sarebbe un record fittizio

Cristiano a un gol da Platini, ma sarebbe un record fittizio

ronaldo 2

Basta osservarlo qualche secondo per capire tanto di lui. Cristiano Ronaldo ha una doppia personalità e un talento innato nel governare il pallone. Non ci vuole un genio (tantomeno un giornalista) per evidenziare che come l’asso portoghese, al momento, ce ne siano al massimo due o tre in giro per il mondo. Così come Messi, anche CR7 ha fatto incetta di record personali, riconoscimenti che valgono senza dubbio meno dei trofei conquistati con i rispettivi club. L’ultima Champions alzata al cielo di Milano rappresenta l’ennesima conquista, ma per chi ha il cruccio di vincere qualcosa con la propria Nazionale (Lo stesso Leo ne sa qualcosa) non esiste appagamento che tenga.

Stasera al Velodrome di Marsiglia il Portogallo andrà a caccia della seconda finale europea consecutiva, dopo quella conquistata nel 2012 proprio nell’edizione organizzata dalla Polonia, prossima avversaria, di concerto con la confinante Ucraina. Allora fu la Spagna a spezzare i sogni dei portoghesi ai calci di rigore prima dell’atto finale con l’Italia. Oggi, più che mai, serve un Portogallo diverso per battere la selezione di un Lewandowski ancora a caccia della prima rete nella manifestazione dopo aver dominato la classifica dei cannonieri alle qualificazioni.

Anche a Cristiano Ronaldo manca un gol. Potrebbe essere prezioso per il suo Portogallo, ma farebbe comodo anche al suo palmares. Il numero 7 rossoverde con una marcatura raggiungerebbe Platini in vetta alla classifica dei cannonieri europei a 9 gol nelle fasi finali. Piccolo dettaglio, non di poco conto: le Roi i suoi 9 gol li ha segnati in una sola edizione, quella del 1984 che vide protagonista la Francia sia come paese organizzatore che come squadra vincitrice del torneo. Il nono gol di Cristiano Ronaldo, invece, arriverebbe alla quarta partecipazione dopo quelle di Portogallo 2004, Austria-Svizzera 2008 e Polonia-Ucraina 2012.

A rendere ancora più incredibile il divario statistico tra Michel Platini e il campione portoghese è la formula di quel torneo del 1984 che prevedeva sole 15 gare complessive di cui 5 giocate dai francesi. Platini, insomma, segnò 9 gol in 5 confronti, mentre Ronaldo è il giocatore che ha collezionato più presenze agli Europei: ben 18. E’ chiaro che nel caso in cui dovesse essere raggiunto sarebbe comunque un record di cui tener conto, ma nonostante la fame di successi personali c’è da scommettere che CR7 sarebbe pronto a scambiarlo senz’altro con la conquista della coppa. Raggiungere Platini per trofei vinti avrebbe tutto un altro sapore.

Le probabili formazioni di Polonia-Portogallo (Stade Velodrome ore 21, diretta Rai 1 e Sky Sport 1)

Polonia (4-2-3-1): Fabianski; Piszczek, Glik, Pazdan, Jedrezych; Maczynski, Krychowiak; Blazczykowski, Milik, Grosicki; Lewandowski. All.: Nawalka.

Portogallo (4-1-4-1): Rui Patricio; Vieirinha, Pepe, Fonte, R. Guerreiro; W. Carvalho; André Gomes, Moutinho, Nani, Joao Mario; Ronaldo. All.: Fernando Santos

Francesco Carluccio

Booking.com