Calcio Italiano “Discriminazione Territoriale”, la voce alle Curve: “Gli unici discriminati siamo noi”

“Discriminazione Territoriale”, la voce alle Curve: “Gli unici discriminati siamo noi”

736

Intervenuto a Sportitalia, Loris Grancini, capo ultrà dei Viking Juventus parla della questione discriminazione territoriale: “La mia idea circa questa legge è che dovevano coprire un buco sugli stadi vuoti. Bisognava trovare un capro espiatorio e danno la colpa agli ultras, vogliono far passare il messaggio che siamo noi a non far andare la gente allo stadio”.

Matteo Pisoni, capo ultrà dell’Inter, sulla questione “discriminazione territoriale” a Sportitalia: “Noi spesso e volentieri veniamo travolti da situazioni in cui siamo attori non protagonisti. Discriminazione? Ci sono gli sfottò, ma per gli ultras vedo che ci sono leggi speciali.Il problema sembra essere noi come gruppo facilmente attaccabile e non ascoltato”. Franco Caravita: “Leggo che noi facciamo il male delle società, ma noi vogliamo il bene della società e queste norme la comunità europea e la UEFA hanno detto chiaramente che sono state create in Italia. Sono norme che andavano abolite ieri, perché la costituzione parla di libera parola. Gli unici discriminati siamo noi”.

Booking.com