Calcio Italiano Doping, Cannavaro furioso con la Juve: “Quanto mi girano”

Doping, Cannavaro furioso con la Juve: “Quanto mi girano”

332

Il capitano della Nazionale perde la pazienza in conferenza stampa a Coverciano.

 

Fabio Cannavaro“Mi girano i coglioni. E se non avete capito bene ribadisco, mi girano i…”. Fabio Cannavaro non si trattiene, durante la conferenza stampa in corso a Coverciano, e ripercorre i momenti vissuti nella giornata in cui la sua positività è stata resa nota. Il capitano azzurro aveva assunto un antiallegico iniettato a seguito di una puntura d’ape.
“Io ho la coscienza a posto – ha detto -. Uno viene punto da un’ape e si ritrova sul giornale come se fosse un dopato. Quando è successo mi sembrava di sognare. Qualche giornale e qualche televisione hanno esagerato. E’ la seconda volta che mi ritrovo gratuitamente sui giornali le storie del genere”.
Il riferimento è al filmato con le flebo risalente agli anni del Parma e pubblicato dai mezzi di comunicazione nel 2005. “Quella volta feci una cazzata a farmi filmare, anche se la sostanza tuttora non è proibita. Questa volta la cazzata della Juve c’è stata, ma mi è sembrato tutto esagerato. Spero che questo dubbio non mi segua oltre oggi, la mia carriera è stata esemplare e all’insegna delle regola”.
CASO ARCHIVIATO – Il Tribunale del Coni ha intanto archiviato il caso Cannavaro. La decisione è arrivata dopo la richiesta della procura antidoping del Coni, Ettore Torri. Il capitano della Nazionale era risultato positivo al cortisone ad un test, dopo avere presentato alla vigilia di Roma-Juve una richiesta di esenzione per emergenza (era stato punto da una vespa) incompleta nella documentazione.
Fonte: Sport Alice
Booking.com