Calcio Estero Bundesliga Cresce il Dortmund, crescono i suoi giovani: ecco Felix Passlack

Cresce il Dortmund, crescono i suoi giovani: ecco Felix Passlack

977

Felix PasslackI giovani del Borussia Dortmund non sono nuovi alla rubrica del talento della settimana. Oggi accendiamo i riflettori su un giocatore versatile e molto intelligente in campo nonostante l’età, che non ha mai nascosto la sua passione per gli arcirivali del BVB e che ha fatto quasi piangere Jürgen Klopp.

Nome: Felix Passlack
Squadra: Borussia Dortmund
Esordio: 2 marzo 2016 – Darmstadt
Ruolo: difensore
Nazionalità: tedesca
Data di nascita: 29 maggio 1998
Piede preferito: destro
Altezza: 170 cm

Dicono di lui…
“Mi viene da piangere a pensare che non potrò allenare questo ragazzo”.
Jürgen Klopp prima di lasciare la panchina del Dortmund

“Felix è un calciatore versatile e si comporta da leader in campo. Questa è una sua dote naturale, non siamo stati noi a tirarla fuori”.
Christian Wück, allenatore Germania Under 17

“Felix è un ragazzo intelligente ed è il futuro del Borussia Dortmund”.
Łukasz Piszczek, terzino destro titolare del Dortmund che Passlack sta sostituendo

Le origini…

“Sono un ‘Ruhrpottler’,” dice spesso Passlack, allundendo alle sue radici nel distretto della Ruhr nella Germania dell’Ovest. Questa regione è rinomata per la sua gente profondamente dedita al lavoro e per la famosa parola ‘malochen’ (sgobbare) già appropriata per i 18enni del posto. La sua predisposizione naturale, unita al suo talento, ha attirato osservatori di tante grandi squadre quando era ancora molto giovane.

Un tempo tifoso dello Schalke – anche se ha sottolineato di “essersi convertito in tempo” – Passlack è passato al Dortmund a 14 anni dall’RW Oberhausen vincendo col BVB la Bundesliga a livello Under 17 e U19.

Stile di gioco…
Il possente Passlack sa bene come rendere difficile la vita agli avversari. Tra i calciatori che hanno dovuto fare i conti con la sua robustezza e tenacia c’è niente poco di meno che Franck Ribéry. Il francese ha testato con mano la bravura di Passlack in occasione della Supercoppa di Germania di agosto. Col pallone tra i piedi, Passlack è comunque molto dinamico e votato all’attacco e queste sue caratteristiche sono state evidenti nelle formazioni giovanili della Germania e del Dortmund.

Sfumature di…
Spesso paragonato a Mario Götze, soprattutto a Dortmund e nei suoi dintorni, Passlack dice che l’eroe della finale della Coppa del Mondo FIFA 2014 è “un idolo”, ma ha anche sottolineato più volte di non volerlo copiare. Come terzino destro, tuttavia, per la sua stazza, qualità tecniche ed etica del lavoro, è più simile a Rafinha del Bayern München.

Il momento magico…
Dopo aver brillato nei Campionati Europei UEFA U17 nel 2015, ha ricevuto nello stesso anno la medaglia d’oro Fritz-Walter nella categoria Under 17 della nazionale tedesca. Il suo duello senza esclusione di colpi con Ribéry nella finale di Supercoppa ha attirato ulteriormente l’attenzione della stampa tedesca su di lui, e nella vittoria di novembre del Dortmund per 8-4 sul Legia Warszawa è diventato il più giovane marcatore di sempre della Germania in UEFA Champions League.

La migliore delle ipotesi…
I tanti infortuni in casa BVB hanno dato modo a giovani di prospettiva come Passlack e Christian Pulišić di brillare in prima squadra. La concorrenza interna per una maglia da titolare rimane molto alta, ma il carattere di Passlack ci fa capire che non vuole solo partecipare alla sfida, ma vuole anche vincerla.

Le sue ottime prestazioni a livello giovanile con la Germania hanno spianato la strada per un esordio con la nazionale maggiore. Tutto ciò tuttavia potrà avvenire in futuro, ma al momento è più importante la considerazione di Thomas Tuchel col club, dato che il tecnico del BVB cerca le stesse qualità di cui ha bisogno Joachim Löw per la nazionale maggiore.

Lui dice…
“Philipp Lahm è un esempio, ma il mio modello da seguire è Mario Götze. Adoro i suoi dribbling, la sua velocità, i movimenti, il tocco di palla e la sua visione di gioco”.
In un’intervista a UEFA.com del maggio 2015

“Da bambino quando facevo il raccattapalle ho sempre sognato di giocare nello stadio di Dortmund, che era sempre pieno. C’è sempre molta tensione prima delle partite, ma poi in campo svanisce tutto”.

“Non mi piace parlare di me stesso, ma probabilmente le mie qualità migliori sono la velocità, il saper giocare con entrambi i piedi, il dinamismo e la mentalità da leader”.

http://it.uefa.com/

Booking.com