Coppe Emirates Cup, Napoli-Arsenal 2-2: Insigne incide, Higuain no. Tabellino e pagelle

Emirates Cup, Napoli-Arsenal 2-2: Insigne incide, Higuain no. Tabellino e pagelle

543

Emirates CupIl Napoli di Rafael Benitez pareggia per 2-2 contro l’Arsenal di Arsene Wenger: azzurri in vantaggio con Insigne e Pandev, Gunners bravi a rimontare con Giroud e Koscielny nel finale. Higuain, in campo per tutto il secondo tempo non incide; la giocata spettacolare è di uno degli altri obiettivi di mercato degli azzurri, Olivier Giroud, autore di un gol in rovesciata.

Ti aspetti Higuain ed ecco… Giroud! Il Napoli si gode a metà l’esordio del suo nuovo centravanti: il Pipita entra solamente nella ripresa del match giocato dalla formazione di Rafael Benitez a Londra contro l’Arsenal, proprio quando gli azzurri si fanno rimontare dal 2-0 firmato da Insigne e Pandev. E a mettere a segno il primo dei due gol dei Gunners è Olivier Giroud (l’altro centro è di Koscielny), uno degli obiettivi di mercato proprio della squadra di De Laurentiis, che fa strabuzzare gli occhi del pubblico presente con una gran rovesciata. Benvenuto Higuain (anche se all’esordio non ha fatto impazzire), dunque, ma se dovesse arrivare anche Giroud nessuno a Napoli storcerebbe il naso…

Benitez lascia Higuain in panchina e concede ancora spazio a Pandev dal 1’, con Hamsik, Callejòn e Insigne alle sue spalle. Dall’altra parte c’è il solito Arsenal, con Giroud supportato dal trio Podolski-Rosicky-Gnabry, promettente 1995 tedesco.

Si tratta di un’amichevole ma i ritmi sono subito alti e se non si entra concentrati al massimo le conseguenze possono essere gravi. Chiedere al buon Jenkinson, autore di un colpo di testa a dir poco rivedibile, che mette la palla sul piede destro di Insigne: il numero 24 non si fa pregare e mette dentro l’1-0 dopo soli 7’. La gara è viva: Reina rischia il patatrac concedendo un pallonetto a Gnabry che manda alto dalla lunga distanza, ma poi è super quando si tratta di fronteggiare il calcio di rigore di Podolski (Behrami stende in area Gnabry al 17’). Reina ipnotizza il tedesco e si becca i fischi dell’Emirates.

Non va altrettanto bene a Fabianski al 28’: il portiere dell’Arsenal esce con i tempi sbagliati su Pandev (lanciato da Hamsik) e concede al macedone il punto del 2-0, completando la frittata confezionata dalla difesa dei Gunners. Che continuano a macinare gioco ma senza mai creare veri e propri grattacapi alla solida e attenta difesa di Benitez. Anzi è il Napoli addirittura a sfiorare il centro numero tre con Insigne, che pecca di egoismo non servendo Callejòn.

Dopo il riposo tocca a Gonzalo Higuain: il nuovo numero 9 del Napoli fa il suo ingresso in campo al posto di Pandev e si piazza al centro dell’attacco. In realtà l’argentino, che a suo tempo era stato anche obiettivo di mercato dello stesso Arsenal, svaria molto cercandosi palloni giocabili e cercando di dare una mano ai compagni. Ma senza trovare spunti degni della sua fama. E’ l’Arsenal nel frattempo a inserire forze fresche e ad aumentare la pressione sulla difesa partenopea: Reina e i suoi reggono sino al 72’, minuto in cui Giroud s’inventa una rovesciata spettacolare su azione di calcio d’angolo e riporta l’Arsenal a un solo gol di distanza.

A questo punto è assalto all’arma bianca da parte della squadra londinese che a perdere di fronte ai propri tifosi proprio non ci sta. Il pareggio arriva al minuto 87’, quando Reina prima si supera su un colpo di testa di Mertesacker, ma si deve arrendere di fronte a quello di Koscielny da brevissima distanza. Un 2-2 giusto quello conquistato dall’Arsenal, più in palla rispetto a un Napoli che sta crescendo ma è ancora alla ricerca della forma migliore e definitiva. E di un paio di giocatori per completare una rosa pronta per fare cose ‘da grandi’. Uno potrebbe averlo trovato stasera…

IL TABELLINO CON LE PAGELLE:

Arsenal (4-2-3-1): Fabianski 6; Jenkinson 5.5 (Sagna 6, dall’11° s.t.), Koscielny 6.5, Mertesacker 6, Gibbs 6; Ramsey 6.5 (Chamberlain 6, dal 18° s.t.), Wilshere 6 (Arteta 6, dal 18° s.t.); Podolski 6.5 (Akpom s.v., dal 43° s.t.), Rosicky 6.5, Gnabry 7 (Teo Walcott 6.5, dall’11° s.t.); Giroud 7. All. Wenger 6

NAPOLI (4-2-3-1):  Reina 7; Mesto 7, Cannavaro 6, Britos 6 (Raul Albiol 6.5, dal 18° s.t.), Armero 7; Behrami 6.5 (Dzemaili s.v., dal 40° s.t.), Inler 6.5; Insigne 6.5 (Dossena 6, dal 31° s.t.), Hamsik 7.5 (Mertens 6, dal 20° s.t.), Callejón 6 (Maggio 6.5, dal 1° s.t.); Pandev 7 (Higuain 6, dal 1° s.t.). All. Benitez 6

NOTE – Marcatori: Insigne (N) al 6° p.t., Pandev (N) al 28° p.t., Giroud (A) al 27° s.t., Koscielny (A) al 41° s.t. Ammoniti: Dossena (N) al 35° s.t. per gioco falloso. Espulsi: Nessuno. Falli commessi: 15-12. Angoli: 5-2. Fuorigioco: 4-2. Recupero: 0 e 2.

Booking.com