Nazionale Italiana Europei Under 21, si decide tutto nel finale: Norvegia-Italia 1-1

Europei Under 21, si decide tutto nel finale: Norvegia-Italia 1-1

510

Gli azzurrini, con ampio turnover, trovano il pareggio in extremis con la Norvegia. A Tel Aviv finisce 1-1, dopo che Strandberg aveva realizzato l’1-0 scandinavo su rigore al 89′. Primo posto nel gruppo A con 7 punti e imbattibilità mantenuta per la squadra di Mangia. Ora in semifinale Olanda o Spagna.

under 21Un pareggio che dà morale e aumenta ancora di più l’autostima degli azzurrini. Il gol al minuto 93 di Bertolacci, primo con l’Under 21, consegna l’1-1 all’Italia di Mangia e permette la qualificazione alle semifinali da prima del girone A. Sette punti, 6 gol fatti e un solo gol subito, su rigore, dalla nostra Under 21 in questo Europeo israeliano. Ora in semifinale Olanda o Spagna, he si giocheranno primo e secondo posto nell’altro gruppo. La Norvegia, che era passata in vantaggio all’89’ su rigore realizzato da Strandberg, si accontenta del secondo posto.

ITALIA RIVOLUZIONATA. Con la matematica certezza della qualificazione alle semifinali, Devis Mangia cambia sette undicesimi rispetto alla sfida vinta 4-0 con Israele, risparmiando titolarissimi come Verratti, Immobile, Florenzi e Bianchetti, e dovendo rinunciare agli infortunati Insigne e Marrone. Gli azzurrini, però, contro una Norvegia a cui bastava il pareggio per qualificarsi alle semifinali, giocano a viso aperto sin dai primi minuti. Il 4-4-2 “mangiano”, che assomiglia molto al 4-2-4 adottato dal Torino di Ventura, funziona a meraviglia e nei primi 45 minuti fioccano le occasioni da gol per la nostra Under.

QUANTE OCCASIONI. Sono proprio i più attesi Destro e Sansone, considerati alternative e non titolari da Mangia, a mettersi in mostra più volte. Sansone, che parte largo a sinistra crea numerosi pericoli, la catena centrale Rossi-Crimi crea gioco e blocca qualsiasi ripartenza norvegese e anche Caldirola, leader difensivo, ha il tempo per spingersi in avanti e sfiorare il gol di testa. L’occasione più grande è sui piedi di Destro al minuto 44, che si gira dentro l’area e spara incrociando costringendo Ostbo alla grande parata.

CAMBI E RITMI LENTI NELLA RIPRESA. Lo 0-0 della prima frazione resiste anche nella ripresa, almeno fino al minuto 88, nonostante Mangia inserisca prima Florenzi e poi Gabbiadini. Ancora una volta è Destro ad andare vicinissimo al vantaggio, al 57’. L’attaccante della Roma, a tu per tu con Ostbo, salta il portiere norvegese e mette sull’esterno della rete. Col passare dei minuti i ritmi si abbassano e sia Italia che Norvegia sembrano accontentarsi del pareggio, che vale il primo posto nel girone agli azzurrini e la seconda posizione agli scandinavi.

FINALE SHOCK, PRIMA UN RIGORE, POI BERTOLACCI. Al minuto 89 accade l’imprevedibile. La Norvegia, mai pericolosa, trova un rigore generoso per atterramento in area di Nilsen da parte di Caldirola. Strandberg trasforma, siglando il primo gol all’Italia in questo Europeo. La formazione azzurra però non ci sta e al 93’, all’ultimo respiro, trova un super gol in girata e sigla l’1-1 e il suo primo centro in azzurro. Coraggio, cuore e determinazione: tre caratteristiche che rendono questa Nazionale temibile per chiunque, Olanda o Spagna che sia.

Booking.com