Nazionale Italiana Europei Under 21: la reazione dei tecnici qualificati

Europei Under 21: la reazione dei tecnici qualificati

UEFA.com ha raccolto tutte le reazioni a caldo dopo il sorteggio di Cracovia per la fase finale degli Europei U21 del 2017.

  • Gruppo A: Polonia (squadra ospitante), Slovacchia, Svezia (campioni), Inghilterra

Zbigniew Boniek, presidente Federcalcio polacca – La Polonia è in un girone molto difficile ma allo stesso tempo molto interessante. Ci sono i campioni in carica della Svezia, l’Inghilterra che fa sempre bene a questo livello e l’ambiziosa Slovacchia. Non sarà assolutamente facile.

Pavel Hapal, Ct Slovacchia – Siamo tranquilli. Giochiamo la gara inaugurale contro la Polonia, quindi siamo molto felici. Il nostro successo si è finora basato sull’unione, ritengo che questo non cambierà durante la fase finale. Sono convinto che sarà un torneo fantastico.

Håkan Ericson, Ct Svezia – Sarà una sfida tosta e certamente interessante contro i padroni di casa. L’Inghilterra è sempre un avversario ostico mentre la Slovacchia è stata impressionante contro Turchia e Olanda. Siamo fiduciosi, abbiamo giocato 17 partite senza mai perdere.

Aidy Boothroyd, Ct Inghilterra – E’ un gruppo difficile perchè affrontiamo i padroni di casa, i campioni in carica e la Slovacchia, che si è espressa ad alti livelli nelle qualificazioni.

  • Gruppo B: Portogallo, Serbia, Spagna, ERJ Macedonia
    Luigi Di Biagio ct Under21

Rui Jorge, Ct Portogallo – E’ dura. Ogni squadra ha lottato e dimostrato le sue qualità per arrivare fin qui. Nessun avversario sarà facile da affrontare ma ci auguriamo di mettere in campo quanto di buono mostrato nelle qualificazioni.

Tomislav Sivić, Ct Serbia – Portogallo e Spagna raggiungono sempre fase finale e sono molto forti. La Spagna ha vinto diverse volte la competizione, la Macedonia è una sorpresa. Ma il rispetto è lo stesso per qualsiasi squadra. Abbiamo vinto l’EURO U19 e la Coppa del Mondo U-20, quindi faremo di tutto per completare il tris.

Albert Celades, Ct Spagna – Il Portogallo ha fatto un ottimo cammino di qualificazione, la Serbia era nel nostro girone ed è una squadra ricca di talenti. La Macedonia è la vera sorpresa ma ha battuto una squadra del calibro della Francia. Non possiamo definirci i favoriti perchè non abbiamo vinto il nostro girone e siamo finiti alle spalle della Svezia. C’è grande margine di miglioramento.

Blagoja Milevski, Ct ERJ Macedonia – Abbiamo la qualità per fare bene nella competizione e spero che giocheremo allo stesso modo che nelle qualificazioni. Il nostro sogno è diventato realtà, è vivo. Sono certo che faremo bene in Polonia e promuoveremo il nostro calcio.

  • Gruppo C: Germania, Repubblica ceca, Danimarca, Italia

Stefan Kuntz, Ct  Germania – Un sorteggio è sempre pieno di divertenti sorprese. Ci sono tanti fattori che possono determinare il cammino in un torneo: spirito di squadra e un pizzico di fortuna al momento giusto.

Vítězslav Lavička, Ct Repubblica ceca – Siamo felici di essere qui e cercheremo di fare del nostro meglio come nelle qualificazioni. Tutte le squadre del girone hanno qualità. Patrik Schick [è stato il miglior marcatore nelle qualificazioni], ma abbiamo anche altri ottimi giocatori specialmente in attacco.

Niels Frederiksen, Ct Danimarca – Non penso ci sia un girone più debole. Conosciamo bene la Germania e sappiamo quanto sia forte, così come l’Italia. Abbiamo delle chance ma sarà difficile. La nostra ambizione è quella di arrivare fino in semifinale.

Luigi Di Biagio, Ct Italia – Affronteremo delle squadre ostiche ma non dobbiamo meravigliarci, visto che questo sarà uno degli Europei più belli ed equilibrati di sempre. La Germania è una nazionale di primissima fascia, mentre Danimarca e Repubblica ceca sono due squadre scorbutiche, che si assomigliano per il modo in cui interpretano il calcio. Siamo consapevoli della nostra forza e di quella dei nostri avversari e, anche se non sarà semplice, i ragazzi devono pensare in grande.

http://it.uefa.com/

Booking.com