Mondiali Brasile 2014 Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay: Out De Rossi

Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay: Out De Rossi

Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay: Out De RossiFermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay: Out De Rossi. Cambiare tutto per salvare tutto. Cambiare per forza, oltre al modulo da mettere in campo anche  l’indisponibilità di De Rossi,  gli toglie il sogno.

Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay: Out De Rossi. Cesare Prandelli, che si sta ancora leccando le ferite per la sconfitta contro il Costa Rica, nel match con l’Uruguay in programma martedì alle ore 18:00, non potrà schierare il centrocampista giallorosso, perno della mediana. Daniele De Rossi è frenato da problemi muscolari al polpaccio, la speranza è di recuperarlo per gli ottavi, se ottavi ci saranno. L’infortunio mette nei guai il C.T. che adesso dovrà sostituire uno dei suoi titolari indiscussi e rimodulare la squadra: il 4-1-4-1 schierato contro gli inglesi e il Costa Rica con ogni probabilità andrà in soffitta, ma certezze sul modulo anti-Uruguay ancora non ce ne sono. Prandelli potrebbe giocare tanto con una difesa a tre, (con il trio juventino) con due trequartisti alle spalle di Balotelli oppure, e sarebbe ora con due attaccanti, che tutti gli italiani sperano e lo gridano a gran voce.
Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay. Il 3-5-2 sulla carta potrebbe essere il modulo migliore per sfidare una squadra che ha un centrocampo folto e due grandissimi attaccanti. Con l’inserimento di Bonucci al fianco di Barzagli e Chiellini la difesa a tre sarebbe fatta, oltre che consolidata. In mezzo al campo con Pirlo e Marchisio ci potrebbe essere Marco Verratti, sulle fasce sicuro del posto sarebbe Darmian, mentre sul lato opposto ci potrebbe essere l’esordio a Brasile 2014 di Mattia De Sciglio. Accanto a Balotelli potrebbe giocare qualunque attaccante, dallo snobbato Immobile al napoletano Insigne.

Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay. Il 4-3-1-2 invece riporterebbe titolare Antonio Cassano e renderebbe il cambiamento meno traumatico. Chiellini così potrebbe tornare sulla fascia sinistra e potrebbe lasciare il posto di centrale a Bonucci, con Barzagli e Darmian sul lato destro difensivo. In mezzo sempre Pirlo e Marchisio, con Thiago Motta, evanescente ed assente dalla manovra contro il Costa Rica o Verratti. Candreva agirebbe dietro le punte Balotelli e Cassano. Ma non è nemmeno da escludersi il doppio trequartista alle spalle di Balotelli. In quel caso giocherebbero accanto a Pirlo sia Thiago Motta sia Verratti Una chance potrebbe averla anche Parolo, in campo per qualche minuto contro l’Inghilterra, Candreva e Marchisio, o magari Marchisio e un esterno offensivo, potrebbe essere Cerci dietro Balotelli. E’ l’ora delle scelte: cambiare tutto per salvare tutto. A cominciare dalla faccia. Fermi tutti! Prandelli studia il modulo anti-Uruguay. Cesare Prandelli ha poco tempo per studiare, martedì prossimo è alle porte e bisogna fare in fretta e da mettere in campo una squadra capace di contrastare l’Uruguay con la corsa e soprattutto una difesa che non sia “ballerina” perchè gli avversari dispongono di un attacco micidiale come Cavani ed il “Pistolero” Luis Suárez.

Booking.com