Calcio Italiano Genoa-Fiorentina 2-1: I viola sbattono contro il muro Amelia

Genoa-Fiorentina 2-1: I viola sbattono contro il muro Amelia

363

Il Genoa torna alla vittoria.

 

palladinoDopo il 3-3 dello scorso anno, Genoa e Fiorentina si ritrovano di fronte per una sfida importante in ottica Champions League. Momento delicato per entrambe le formazioni che vengono da due sconfitte. La Fiorentina gioca più da squadra ma alla fine la spunterà il Genoa grazie alla rete del solito Mesto.

In campo – Classico 3-4-3 per il Genoa di Gasperini che schiera Crespo al centro dell’attacco al posto di Floccari. La Fiorentina risponde con il tridente Jovetic.Gilardino-Mutu schierato per la prima volta in stagione dal primo minuto. A centrocampo rifiata Zanetti per fare spazio a Donadel.

Si gioca – Le due squadre si studiano nella fase iniziale senza però rendersi molto pericolose. Il primo brivido arriva per la Fiorentina al sesto con un colpo di testa di Sculli che termina fuori di poco. Al 13’ Gilardino reclama per un presunto fallo di Bocchetti ai suoi danni in piena area di rigore. Passano due minuti e Montolivo conclude da buona posizione al termine di una splendida azione, Amelia però ribatte il tiro. Al 28’ Crespo scatta sul filo del fuorigioco e mette in mezzo un pallone interessante senza che nessuno però riesca nella deviazione vincente. La partita non decolla per quanto riguarda lo spettacolo, intanto al 34’ ci prova anche Sculli con un sinistro che lambisce il palo alla sinistra di Frey. Al 39’ Genoa ancora pericoloso sugli sviluppi di un calcio di punizione che smarca Palladino in area, destro del rossoblu ribattuto con i piedi da Frey. La squadra di Gasperini ci crede ed al 43’ riesce a passare con Palladino che sfrutta l’assist di Sculli ed insacca di tacco. Genoa in vantaggio e primo tempo che si chiude sul risultato di 1-0 per i padroni di casa.

Nella ripresa le due squadre si presentano con i medesimi 11 ed il Genoa gestisce la gara con lungo possesso di palla. Al 54’ Prandelli manda in campo l’acciaccato Marchionni per Jovetic. Al 60’ grandissimo tiro di Montolivo che si stampa in pieno sulla traversa ad Amelia battuto. L’azione continua con Montolivo che crossa al centro per Gamberini che di testa prende il palo. Viola sfortunati che non si danno per vinti ed al 62’ trovano il pareggio con una discesa di Pasqual sulla sinistra che poi libera Marchionni al tiro, conclusione che batte Amelia e che riporta in equilibrio la gara. La Fiorentina si rintana nella propria metà campo ed il Genoa riesce a tornare in vantaggio al 73’ con il neo-entrato Mesto che di destro trafigge Frey. I viola reagiscono e con Dainelli vanno vicino al pareggio ma Amelia si supera deviando il colpo di testa del difensore viola. Montolivo è il migliore dei viola ed all’80’ ci prova nuovamente dalla distanza trovando ancora l’attenta deviazione di Amelia. Prandelli intanto manda in campo pure Nacho Castillo (all’esordio stagionale in maglia viola) al posto di Pasqual. L’argentino si rende subito insidioso con un bel colpo di testa che termina alto di poco. I viola ci credono nel finale e con Mutu vanno nuovamente vicino al pari ma il tiro del rumeno finisce a lato. La partita termina dopo 4 minuti di recupero con il Genoa che torna alla vittoria su di una Fiorentina che esce a testa alta.



IL TABELLINO

GENOA-FIORENTINA 2-1

MARCATORI: 42’ Palaldino (G), 62’ Marchionni (F), 72’ Mesto (G)

GENOA (3-4-3): Amelia 7; Sokratis 6, Biava 6, Bocchetti 5; M. Rossi 6.5, Zapater 5.5, Milanetto 5.5, Modesto 6 (79’ Esposito s.v.); Palladino 7 (67’ Mesto 7), Crespo 5, Sculli 6 (71’ Palacio 6.5). A disposizione: Russo, Tomovic, Raggio Garibaldi, Floccari. All. Gasperini/Bruno Caneo in panchina 6.5

FIORENTINA (4-2-3-1): 1 Frey 6; Comotto 6, Gamberini 5.5, Dainelli 5.5, Pasqual 5.5 (82’ Castillo s.v.); Montolivo 7.5, Donadel 5.5 (60’ Zanetti 5.5); Jovetic 5 (54’ Marchionni 6.5), Mutu 5, Vargas 6; Gilardino 5.5. A disposizione: Avramov, Kroldrup, De Silvestri, Gobbi. All. Prandelli 6

ARBITRO: Saccani 5.5

AMMONITI: Biava (G), Jovetic (F), Bocchetti (G)


Fonte: Goal.com di Leonardo Batistini

Booking.com