Calcio Mercato I Galaxy: «Basta con il circo. Rifiutata l’offerta per Beckham»

I Galaxy: «Basta con il circo. Rifiutata l’offerta per Beckham»

606

Tim Leiweke alza la voce del Los Angeles Galaxy. Galliani: «Respinti, vero. Ma continuo a trattare».

 

beckhamNon hanno impiegato molto, i dirigenti del Galaxy, a dar retta al Los Angeles Times che incitava a comportarsi come fanno i grandi club europei sul mercato del calcio.

Ieri Tim Leiweke, amministratore delegato della Aeg, proprietaria della squadra di Los Angeles, è entrato in pista per dire no al Milan. Offerta troppo bassa: «Dobbiamo farla finita con le distrazioni, con il circo e lo zoo. Abbiamo ricevuto un’offerta. E’ stata rifiutata».

Il Galaxy, dicono a Los Angeles, crede che Beckham valga almeno 10 milioni di dollari, che è quello che ha pagato il Villarreal l’anno scorso per Jozy Altidore, attaccante dei New York Red Bulls. Dieci milioni e anche di più.

Ma il Milan per il momento è molto lontano da quella cifra e lo ha ammesso lo stesso Adriano Galliani. «Il Milan ha fatto un’offerta che non è stata accettata», ha detto il vicepresidente. «Comunque è importante che da parte del Galaxy ci sia la disponibilità a trattare. Ma io e Leiweke ormai abbiamo un rapporto epistolare molto intenso e spero che si trovi una soluzione».

Una soluzione per accontentare il giocatore che si è espresso chiaramente, tanto che anche a Los Angeles ormai hanno smesso di considerare prioritaria la forza del contratto. «David è una risorsa per questa squadra. Se ha fame e voglia di venire qui e darci una mano, allora è un elemento importante e la nostra intenzione è di riportarlo qui. Se invece la sua posizione è quella di voler finire la stagione al Milan e il Milan in cambio ripaga i Galaxy in modo tale che nè la squadra nè i tifosi vengano danneggiati, prenderemo in considerazione il tutto».

Non si andrà al muro contro muro. «Stiamo parlando con David, lui non ci ha mai forzato la mano o altro, non è una conversazione sul piano legale e non lo è mai stata, non ci sono avvocati che stanno studiando il contratto».

Colpo di coda finale di Leiweke: «L’ultima volta che ho controllato, ho visto che siamo gli unici proprietari del suo contratto, per cui dove David andrà a giocare quest’anno è una decisione che spetta più a noi di chiunque altro».

Fonte: Gazzetta dello Sport

Booking.com