Calcio Italiano Ibra-Balotelli, e l’Inter manda ko il Genoa

Ibra-Balotelli, e l’Inter manda ko il Genoa

323

BalotelliMinimo sforzo e massimo risultato per l’Inter contro il Genoa. I nerazzurri, nel secondo anticipo della 27esima giornata, si sono imposti per 2-0 grazie alle reti di Ibrahimovic e Balotelli sul campo della quinta forza del campionato che non ha però giocato sui suoi soliti standard e incassa la sua prima sconfitta stagionale. Una buona notizia per l’Inter, dopo una settimana di polemiche, anche se la rete di Balotelli potrebbe crearne delle nuove, in vista soprattutto della decisiva sfida di Champions di mercoledì all’Old Trafford contro il Manchester United.

Mourinho, tornato a Marassi tre giorni dopo la debacle di Coppa Italia con la Sampdoria, sorprende un po’ tutti e preferisce Balotelli ad Adriano per far coppia con Ibrahimovic in attacco, oltre a Figo per Muntari a centrocampo. Gasperini preferisce invece Jankovic a Mesto nel tridente con Sculli e Milito. Pronti, via e i padroni vanno subito vicini al gol con una conclusione in velocità di Thiago Motta, ma il suo tiro termina di poco a lato. L’Inter risponde con Ibrahimovic al 2’ e il fuoriclasse svedese non sbaglia il bersaglio: sfrutta al meglio un cross di Stankovic e in contropiede trafigge Rubinho in contropiede. Il Grifone si getta subito in avanti per trovare il pareggio: al 7’ Milito, involato verso la porta, viene fermato ingiustamente dall’arbitro Morganti per fuorigioco, mentre al 19’ Julio Cesar compie il miracolo su un colpo di testa ravvicinato di Thiago Motta, su cross di Biava.

La sfortuna affligge però la difesa nerazzurra, già falcidiata dagli infortuni di Samuel e Chivu, e prima Materazzi e poi Burdisso sono costretti ad alzare bandiera bianca. Lo Special One non si scompone, dentro Cordoba e Muntari, non avendo più difensori a disposizione, e all’Inter non resta che difendere il vantaggio acquisito. Il Genoa ci prova ancora al 28’ con un colpo di testa di Sculli, ma Julio Cesar, che si conferma il miglior portiere del campionato, para sicuro. Milito fa reparto da solo per i rossoblù, ma da solo non può far molto. Al 45′ grande occasione per i padroni di casa ancora con Thiago Motta, ma la sua conclusione ravvicinata è debole e il primo tempo si chiude così con l’Inter avanti per 1-0.

Nella ripresa la prima occasione da gol è ancora per i rossoblù con Biava al 52’, ma Julio Cesar, come sempre, non si fa sorprendere. Il portiere brasiliano è decisivo anche nello sbrogliare uno svarione difensivo dei suoi 3’ più tardi. Il Grifone fa la gara, l’Inter amministr e all’occorrenza parte in contropiede come al 61’ quando è Balotelli ad andare in rete, nonostante l’intervento sulla linea di Marco Rossi. La palla aveva infatti superato completamente la linea di porta, e all’arbitro Morganti non resta che convalidare il 2-0 degli uomini di Mou. Gli uomini di Gasperini non hanno però alcuna intenzione di arrendersi, ma la dea bendata non è dalla loro parte. Al 76’ un diagonale dalla distanza di Biava esce di un soffio, mentre 5’ dopo è ancora Julio Cesar a superarsi su una conclusione ravvicinata di Marco Rossi. L’ultima fiammata è degli ospiti con il neoentrato Mancini, all’88’, ma Rubinho si salva in angolo. Al Grifone non resta che alzare bandiera bianca, il quinto posto è confermato, anche se in compagnia della Roma che ha pareggiato con l’Udinese. Per l’Inter è un altro mattoncino verso lo scudetto: ora il pensiero può andare ai Red Devils, il count down per la bolgia dell’Old Trafford può avere inizio.

Fonte: E. Cerqui, DTS


Booking.com