Calcio Mercato Ibrahimovic firma e bacia la maglia

Ibrahimovic firma e bacia la maglia

558

Al Barça per 5 anni: “Grazie Moratti”

 

IbrahimovicZlatan Ibrahimovic è ufficialmente un giocatore del Barcellona. L’attaccante svedese ha sottoscritto un contratto quinquennale. “Nell’operazione – si legge nella nota del club catalano – è compresa la cessione di Samuel Eto’o e il prestito di Alexander Hleb“. L’ex nerazzurro ha baciato la maglia blaugrana numero 9 durante le foto di rito. “Grazie a Moratti” ha detto Ibra. “Non sono il sostituto di Eto’o, sono qui per vincere“.

L’attaccante svedese, visibilmente emozionato al fianco del presidente Joan Laporta e del direttore sportivo Txiki Beguiristain, ha voluto ringraziare anche i dirigenti del Barcellona, “che hanno fatto un grande lavoro per portare a termine l’operazione“. Poi ha rivelato: “Avevo un accordo con Moratti da mesi, solo un club poteva portarmi via da Milano ed è il Barcellona. Le ultime settimane non sono state facili per me, è stata una trattativa lunga. Nessuno è più felice di me in questo momento, voglio dare il massimo per vincere“.

E ancora: “Giocare per il Barça è un grande onore, vengo a imparare, questo è quello che sento. Ho provato a vincere la Champions prima, sono convinto che arriverà questo momento“. Ibra ha mostrato uno dei suoi migliori sorrisi, assieme alla maglia blaugrana col numero 9, ereditata da Eto’o. “Sto vivendo un sogno“. Il presidente Laporta ha infine svelato le ragioni del ritardo di un’ora col quale è cominciata la conferenza stampa di presentazione del nuovo acquisto blaugrana: “Mancava un documento che stavamo aspettando dall’Inter“.

AL CAMPO NOU 45MILA SPETTATORI IN DELIRIO
Battesimo stellare a Barcellona per Zlatan Ibrahimovic, la nuova icona mediatica della squadra di Pep Guardiola. L’ingresso di Ibra al Camp Nou, per la sua prima foto con la maglia numero 9 ereditata da Eto’o – andata a ruba ancora prima della presentazione – è stato salutato da un boato dei 45.000 tifosi, che dalle 3 del pomeriggio si erano accalcati ai cancelli, aperti alle 18. Assiepati sulle gradinate, c’erano oltre quindicimila blaugrana in più di quelli accorsi a suo tempo per Henry. Ma, come il centinaio di teleoperatori e giornalisti nazionali e stranieri pigiati nella sala Paris, hanno dovuto aspettare quasi due ore per salutare il nuovo idolo, comparso solo alle 20, perché mancava il documento di trasferimento dell’Inter. ‘Ibra, Ibra, Ibra’, i cori di benvenuto all’attaccante svedese, che ha scatenato un’autentica Ibra-mania a Barcellona. Lo scenario montato in campo è delle grandi occasioni, molto simile a quello visto nelle presentazioni del Real Madrid dei nuovi astri bianchi, Kakà, Cristiano Ronaldo, Albiol e Benzema.

VISITE MEDICHE: EVIDENZIATA FRATTURA ALLA MANO SINISTRA
Il medico blaugrana, Ricard Pruna. “Abbiamo analizzato bene la lesione alla mano sinistra: c’è una frattura alla base del secondo metacarpo. E’ una frattura da studiare per scoprire come risoverla il più presto possibile“.

BARCELLONA: “L’OPERAZIONE IBRA E’ COSTATA 66 MLN”
Dal Barça arriva una valutazione complessiva dell’affare: “L’operazione Ibra è costata 66 milioni di euro“. La cifra comprende oltre 43 milioni cash, la cessione di Eto’o (valutato 20 milioni di euro), e quella di Alexander Hleb. Nel caso di quest’ultimo, il club di Laporta ha accettato di pagare il 70% del suo ingaggio.

MAICON: “IBRA? NON ME NE FREGA NIENTE DI CHI VA VIA”
“Non me ne frega niente di chi è andato via”. Maicon, difensore dell’Inter, ‘saluta’ così Zlatan Ibrahimovic, che ha lasciato la maglia nerazzurra per trasferirsi al Barcellona. “Pensiamo a chi è qui” dice il brasiliano dopo il derby vinto 2-0 contro il Milan a Foxbourough, negli Stati Uniti.


Fonte: Sport Mediaset

Booking.com