Calcio Estero Liga Il Barcellona perde Iniesta, Luis Enrique sfoglia la margherita

Il Barcellona perde Iniesta, Luis Enrique sfoglia la margherita

IniestaSabato, il Barcellona ha centrato una rocambolesca vittoria per 3-2 sul Valencia grazie a un rigore trasformato da Lionel Messi nel recupero, ma i festeggiamenti sono stati ben presto frenati dai timori sulle condizioni del capitano Andrés Iniesta.

Uscito per un infortunio al ginocchio nel primo tempo, il 32enne centrocampista sarà assente per sei-otto settimane per una lesione del legamento collaterale e salterà una serie di gare importanti. I blaugrana, già privi dei difensori Jordi Alba e Gerard Piqué, devono risolvere il rebus a metà campo prima di alcune sfide di campionato potenzialmente decisive, come quella contro il Siviglia e il Clásico del 3 dicembre in casa contro il Real Madrid.

Con ogni probabilità, Iniesta salterà il resto della fase a gironi di Champions League, ma Luis Enrique ha la fortuna di avere diverse alternative a metà campo. UEFA.com valuta quali.

Denis Suárez – Il 22enne centrocampista è tornato in squadra dopo alcune stagioni al Siviglia, Villarreal e Barcellona B e ricorda il giovane Iniesta per lucidità ed equilibrio. In questa stagione, mentre Iniesta superava un precedente infortunio al ginocchio, Suárez è partito bene e ha avuto un ruolo importante nella vittoria della Supercoppa spagnola contro il Siviglia; inoltre, ha dimostrato il suo valore ogni volta che è entrato dalla panchina.

André Gomes – Acquisto importante di quest’estate, il nazionale portoghese non può dirsi ancora soddisfatto delle sue prestazioni al Barça, ma durante l’assenza di Iniesta potrà giocare con più regolarità. Il centrocampista ha tutte le carte in regola per fare bene e potrebbe semplicemente aver bisogno solo di qualche partita in più.

Arda Turan – Il centrocampista turco ha saltato la gara di Valencia per un infortunio alla spalla ma dovrebbe tornare in campo sabato contro il Granada. Passato dall’Atlético Madrid al Barcellona nel 2015 e schierato in un ruolo più avanzato, Turan non disdegna i compiti più difensivi e, grazie alle sue doti tecniche, è sempre una risorsa importante a centrocampo.

Rafinha – Fedelissimo di Luis Enrique dai tempi del Barcellona B e del Celta Vigo, Rafinha è rientrato da un infortunio al ginocchio che lo aveva costretto a saltare gran parte della scorsa stagione. Anche se il brasiliano eccelle sulle fasce, come ha dimostrato la sua doppietta nel 4-0 contro il Deportivo La Coruña, può anche giocare da interno, seconda punta e in tutte le zone del centrocampo, diventando una soluzione più che affidabile per Luis Enrique.

http://it.uefa.com/

Booking.com