Coppe Champions League La Juventus sbanca Siviglia e stacca il pass per gli ottavi

La Juventus sbanca Siviglia e stacca il pass per gli ottavi

Giocatori JuventusObiettivo raggiunto. La Juve si impone in rimonta sul campo del Siviglia, lo scavalca in vetta alla classifica del Gruppo H e centra l’accesso agli ottavi di finale di UEFA Champions League. Tre punti d’oro quelli ottenuti all’Estadio Ramón Sánchez Pizjuán, nonostante una prova non brillantissima contro un’avversaria ridotta in dieci uomini per quasi un’ora.

L’avvio del Siviglia è aggressivo: la squadra di Jorge Sampaoli è brava a mordere le caviglie dei portatori di palla della Juventus, impedendo ai Bianconeri di ragionare. E la tattica paga subito.

E’ appena il 9′ quando, sugli sviluppi di un corner, la Juve non riesce a pulire l’area e il pallone arriva a Daniel Pareja appostato al limite: la battuta di prima intenzione è forte ed angolata e per Gianluigi Buffon non c’è nulla da fare. I Bianconeri accusano il colpo e rischiano di subire il raddoppio quando Mariano Escudero punta Daniele Rugani per poi lasciar partire un sinistro velenoso che termina di poco oltre la traversa.

E’ a centrocampo che gli automatismi della Vecchia Signora non funzionano a dovere: Miralem Pjanić e Claudio Marchisio faticano a proteggere la retroguardia dagli inserimenti avversari e anche in fase di impostazione le geometrie non sono impeccabili. Il Siviglia ha così buon gioco nel ripartire in contropiede, con Luciano Vietto che viene chiuso bene da Leonardo Bonucci dopo aver seminato lo scompiglio in area.

Per una reazione della Juve bisogna attendere quasi la mezz’ora. Mario Mandžukić entra in area, si porta il pallone sul destro e prova la conclusione a giro sul palo lungo, ma non trova la porta. Poco dopo ci prova anche Khedira, che dal limite dell’area sfiora l’incrocio dei pali. Segnali di risveglio per i Bianconeri, che al 36′ si ritrovano in superiorità numerica: Franco Vázquez si fa ammonire due volte in 5′ ed è costretto ad abbandonare il campo.

Il baricentro andaluso si abbassa inevitabilmente, così la Juve chiude il primo tempo all’arrembaggio cercando un un gol che sarebbe preziosissimo anche sotto l’aspetto psicologico. Ed il gol si materializza: in pieno recupero Gabriel Mercado atterra Bonucci in area sugli sviluppi di un calcio d’angolo e Marchisio dal dischetto batte Sergio Rico firmando l’1-1.

In avvio di ripresa il Siviglia perde anche il tecnico Sampaoli, allontanato per proteste, ma la Juve sembra non riuscire a salire di tono. Nonostante l’uomo in più, i Bianconeri si fanno spesso schiacciare dagli avversari, affidandosi con troppa frequenza ai lanci lunghi. Ci prova allora Pjanić a dare la scossa con un destro radente dalla distanza: Sergio Rico si salva in due tempi.

Allegri a quel punto si affida alla linea verde e getta nella mischia Moise Kean, che diventa il primo giocatore nato nel nuovo millennio ad esordire in UEFA Champions League. Ma a levare le castagne dal fuoco ai Bianconeri ci pensa un veterano come Bonucci: all’84’ il difensore indovina un sinistro perfetto dalla lunga distanza, che si insacca a fil di palo. E’ il jolly che consente alla Juve di far saltare il banco.

In pieno recupero Mandžukić mette al sicuro il risultato con un destro sul palo lungo e la Juve può festeggiare l’accesso agli ottavi.

http://it.uefa.com/

Booking.com