Calcio Italiano La Lazio spaventa il Milan: 2-2

La Lazio spaventa il Milan: 2-2

356

Antonio CassanoE’ iniziato in ritardo, il campionato italiano, ma è iniziato all’insegna delle reti. Milan e Lazio, che al ‘Meazza’ hanno giocato il primo anticipo della seconda giornata, hanno chiuso la loro fatica sul 2-2.

Primo tempo pirotecnico, con occasioni da una parte e dall’altra. La prima è per Aquilani, che si fa ipnotizzare da Bizzarri, la seconda, ed è fatale per i padroni di casa, è per Klose: al 12′ il bomber tedesco, innescato da Mauri, si beve Nesta e punisce Abbiati. Ci si aspetta una pronta reazione dei campioni d’Italia e invece è la Lazio a dominare. Klose sfiora il raddoppio, Cissé lo concretizza al 21′, quando il Milan è già stato costretto a sostituire Gattuso (colpito fortuitamente al volto dal compagno Nesta) con Van Bommel: cross di Mauri, incornata dell’ex Panathinaikos, e per gli uomini di Allegri pare già essere notte fonda anche se sono passate da poco le 21.

Dal 29′ al 33′, però, i rossoneri hanno una fiammata. E colpiscono due volte. Prima è Ibra, sotto misura, dopo un bel fraseggio Aquilani-Cassano; poi è lo stesso Cassano, di testa, a pareggiare. La Lazio reagisce, Hernanes divora una buona chance, poi Cissè è egoista. Si va al riposo sul 2-2.

Nessun cambio all’intervallo. Il Milan parte meglio, mentre la Lazio sta sulle sue. E rischia grosso, al 63′, quando Cassano controlla un pallone recapitatogli da Ibra e prende la mira: palo alla destra di Bizzarri. Cissé risponde subito, ma Nesta ci mette una pezza. I ritmi sono più bassi, come era prevedibile, e il caldo non aiuta. Inizia la girandola di cambi, con Reja che si copre (Gonzalez per Klose) e Allegri che fa esordire Nocerino (fuori Aquilani) prima di inserire (al 75′) Pato al posto di Boateng e potenziare il proprio reparto offensivo. Lulic per Mauri è la risposta del navigato timoniere biancoceleste.

Ibra chiama Bizzarri alla risposta non facile, poi c’è spazio anche per Matuzalem (esce Hernanes), per una conclusione poco insidiosa di Ledesma e per un tiro alto di Pato, su sponda di Ibra.

Booking.com