Calcio Italiano Lavezzi: Il Napoli aveva bisogno di cambiare aria

Lavezzi: Il Napoli aveva bisogno di cambiare aria

378

Il Pocho: «Mi dispiace per Reja, le colpe erano nostre». Donadoni: «Ripartiamo da questo pari»

 

LavezziLavezzi firma il primo punto della gestione Donadoni e con la rete segnata al Granillo interrompe la serie negativa esterna del Napoli che durava da otto trasferte. Finisce con un pareggio la prima partita del nuovo tecnico azzurro e sia lui che il Pocho non possono che essere soddisfatti: «Fa sempre piacere segnare – ha detto l’attaccante argentino a fine partita – ad un attaccante dà sempre fiducia. Per fortuna oggi siamo riusciti a pareggiare una partita che in altri casi avremmo perso. Donadoni? La squadra aveva bisgono di cambiare aria, ora cercheremo di fare bene. Mi è dispiaciuto tanto per l’esonero di Reja, noi non volevamo questo. Eravamo noi i principali responsabili della situazione».

DONADONI – È felice a fine gara anche Donadoni, che dopo un siparietto in tv con Ancelotti («Roberto ti ho chiamato, ma non mi hai risposto al telefono», «Scusa Carlo, ma non l’ho fatto di proposito. A Castelvolturno non funzionano bene i telefonini»), analizza con serenità il suo debutto sulla panchina azzurra: «Il Napoli ha giocato con timore il primo tempo, forse è stata una paura eccessiva. Quando ci siamo liberati poi, abbiamo disputato un buon secondo tempo. Si paga sempre qualcosa quando si viene da un periodo negativo. Ora dobbiamo ripartire da questo secondo tempo e convincerci che siamo una buona squadra. Va riconosciuto il grande lavoro fatto da Reja in quattro anni, ma noi adesso dobbiamo dare continuità al nostro rendimento. Questa squadra ha qualità e deve andare avanti così. Il modulo? Ora siamo in emergenza, mi sembrava l’unico possibile il 4-3-1-2. Per cambiare non bastano pochi giorni».


Fonte: Corriere dello Sport

Booking.com