Calcio Italiano L’Udinese crea e disfa E il Siena prende un punto

L’Udinese crea e disfa E il Siena prende un punto

533

I friulani, che perdono Ferronetti per un grave infortunio, sprecano molto e si ritrovano sotto per il gol di Maccarone, poi Di Natale trova lo strameritato pari. Annullato un gol che sembrava regolare a Quagliarella

 

SienaIl fatto che la partita sia calata d’intensità dopo l’1-1 (guarda la sintesi) dice molto. Il risultato con cui Siena e Udinese pareggiano all’Artemio Franchi non dispiace a nessuno. Al Siena, che conserva sette punti di margine sulla zona pericolo dopo una partita che spesso ha visto i toscani in difficoltà, e neppure all’Udinese, che recrimina per aver sprecato molto ma prosegue la serie positiva iniziata contro la Juve e che ha consentito di archiviare la crisi.

STERILITA’ – Giampaolo vuole dare più incisività al Siena e arretra Ghezzal alle spalle di Maccarone ed Amoruso. L’escluso è Kharja. Marino, privo dello squalificato D’Agostino, dà fiducia a Obodo e si affida al suo tridente. Ferronetti si fa male dopo 10′ (problemi al crociato e stagione forse finita), dentro Zapata. Per tutto il primo tempo il Siena fa comunque fatica a creare gioco e l’assetto un po’ spregiudicato aiuta l’Udinese a venire fuori. Di Natale e Quagliarella si trovano a meraviglia e in un paio di circostanze sfiorano il gol, anche se manca un po’ di cattiveria sottoporta.
BRAVO GIAMPAOLO – Giampaolo azzecca la mossa nell’intervallo: fuori l’inconsistente Amoruso per Kharja. La squadra ritrova i suoi equilibri, ma la partita si sblocca in favore dei toscani, perchè se sei bravo a limitare gli attaccanti di Marino, poi i friulani in difesa ti regalano sempre qualcosa. Accade al 4′ della ripresa, quando per fermare Kharja in area Coda lo stende con un’ancata. Pinzani fischia un rigore corretto e Maccarone trasforma, seppur in due tempi dopo la respinta di Handanovic. Il Siena prova a chiudersi, ma l’Udinese davanti fa paura. Prima viene annullato un gol a Quagliarella per un fuorigioco che non c’era, poi Di Natale a tu per tu con Curci calcia fuori. Ma i campioni non sbagliano due volte e l’attaccante della nazionale controlla in area l’assist di Obodo e non dà scampo a Curci. Nessuno ha più la forza per vincere e nemmeno per provarci dopo i rispettivi spaventi e la partita scivola via senza più sussulti.

Fonte: Gazzetta dello sport di Jacopo Gerna
Booking.com