Calcio Italiano Maldini: “Il Milan non mi ha difeso” Galliani: “Scelta mia, meglio tacere”

Maldini: “Il Milan non mi ha difeso” Galliani: “Scelta mia, meglio tacere”

295

Parla il capitano dopo la contestazione: “Dal presidente in giù nessuno ha avuto una parola di solidarietà verso di me”. La risposta dell’amministratore delegato: “E’ stata una mia scelta per non dare spazio a condotte come quella di domenica”


MaldiniQuarantotto ore di riflessione, poi la risposta. Paolo Maldini non ha voluto aspettare ancora.

Paolo, perché le hanno rovinato la festa?
“Non lo so, davvero non lo so. Ho sempre avuto un comportamento lineare, seguendo i miei ideali e rispettando tutti. Non ho frequentato gli ambienti dei tifosi, ma non per snobismo”.

Che cosa l’ha delusa?
“Il silenzio della società: non mi è piaciuto che non abbia preso posizione. Non c’è stato neanche un commento: dal presidente in giù, nessun dirigente ha detto una parola. Io sarò un idealista, ma credo che una società come il Milan si debba dissociare da certi episodi”.

galliani: “Scelta mia” — Allo sfogo di Paolo Maldini ha risposto l’a.d. del Milan Adriano Galliani, che ha firmato una lettera aperta pubblicata dal sito ufficiale rossonero: “Ho letto la tua intervista e capisco la tua amarezza – ha scritto Galliani -: sono sotto scorta, come sai, da due anni proprio a causa dei comportamenti di quelle persone che ti hanno contestato. Sono stato io a prendere la decisione di tacere: non solo perché mi è stato consigliato, ma soprattutto perché ho ritenuto, e tuttora ritengo, che il silenzio sia l’arma più efficace per non dare ulteriore spazio a condotte quali quelle di domenica”.


Fonte: Gazzetta dello Sport di G.B. Olivero

Booking.com