Calcio Estero Manchester City-Barcellona: Ottavi di Finale martedì 18 febbraio

Manchester City-Barcellona: Ottavi di Finale martedì 18 febbraio

570

[ad id=”46202″]

Manchester City-Barcellona: Ottavi di Finale martedì 18 febbraio. Riparte con una grandissima sfida all’Ethiad Stadium la massima competizione europea, con Manuel Pellegrini che deve far meno di  Aguero,  25 presenze stagionali con 26 goal all’attivo,e Tata Martino, invece,  recupera al 100% Leo Messi,  con 5 goal e 3 assist nelle ultime 3 gare, 17 presenze e 13 goal in stagione.

Manchester City-Barcellona: I padroni di casa arrivano all’incontro dopo la vittoria sul Chelsea, che solo pochi giorni prima aveva imposto la prima sconfitta stagionale in casa in Premier League a Yaya Toure e compagni (0-1) In campionato i Citizen non vincono da due giornate, dopo la sconfitta con i Blues è arrivato infatti il pareggio fuori casa contro il Norwich. Per ora la squadre di Pellegrini è al terzo posto in classifica, ma con una gara da recuperare, e potrebbe, in caso di successo,  riagguantare proprio il Chelsea in vetta e scavalcare l’Arsenal.
Nello stadio di casa il Manchester City da il meglio di se: in stagione infatti sono arrivate soltanto due sconfitte delle 5 totali subite, con un bottino di 18 vittorie su 20 gare totali tra coppa, campionato e Champions League. Nel girone D con Bayern, primo per differenza reti negli scontri diretti, Victoria Plzen e CSKA Mosca, il City ha chiuso al secondo posto con 15 punti con 5 vittorie ed 1 sconfitta, 18 reti fatte, secondo miglior attacco dopo il Real Madrid, e 10 subiti.

Il tecnico cileno Manuel  Pellegrini ha parlato dei prossimi avversari in conferenza stampa soffermandosi sul pericolo Messi: “Il Barcellona non è solo Messi, anche se Leo è il migliore del mondo. Si può controllare Messi, ma poi gli altri possono trovare spazio per colpire.’Sarà un test importante, anche se sono solo gli ottavi di finale. Noi stiamo disputando una buona stagione, ora arrivano i momenti importanti.’In una partita del genere bisogna prestare attenzione a ogni singolo dettaglio. Non cambieremo il nostro modo di giocare, ma non possiamo trascurare Messi e tanti altri giocatori”.

Manchester City-Barcellona: un Barcellona che ritrova  Messi,  sarà titolare, e Neymar, si accomoderà in panchina, che nell’ultima gara sono andati entrambi in rete: anche nella Liga come in Premier League. il campionato è più che aperto ad ogni scenario, con tre squadre appaiate a quota 60 punti, ovvero i bluagrana e le due madrilene, il Real di Carlo Ancelotti e l’Atletico di Diego Simeone. Nell’ultima gara il Barcellona. ha strapazzato il mal capitato Rajo Vallecano con un sonoro 6-0 dopo il pareggio in casa della Real Sociedad dell’ex viola Seferovic.
Il Barca ha il miglior attacco in Spagna, con 69 reti all’attivo e la seconda miglior difesa, dopo l’Atletico, con 17 goal al passivo. In Champions League,  nell’ultimo girone, quello H del Milan, gli uomini di Gerardo Martino hanno avuto vita facile contro i rossoneri , l’Ajax ed il Celtic: un bottino di 13 punti totali, con 4 vittorie, 1 pareggio ed una sconfitta, con 16 goal fatti e 5 subiti.
Fuori casa non sembra essere però irresistibile la squadra blaugrana che nella massima competizione europea ha collezionato 1 pareggio all’esordio contro il Milan, una sconfitta con l’Ajax ed una vittoria con il Celtic molto fortunosa e ottenuta soltanto nei minuti finali grazie all’ex Udinese Alexis Sanchez.

Manchester City-Barcellona: è’ tornato a dire la sua Leo Messi, dopo la vittoria con goal in casa contro il Vallecano; la pulce ha parlato del suo recupero della condizione e delle dichiarazioni del tecnico argentino Manuel Cappa: “Sono tornato dopo l’infortunio con molta tranquillità. Mi ci e’ voluto molto tempo per rimettermi in piedi. Ora sono tranquillo, ho voluto fare le cose senza fretta. Col passare dei giorni e delle partite, mi sento meglio. Sta andando tutto come avevamo programmato. Le dichiarazioni di Cappa? Non gli ho dato importanza. Non so perchè ha parlato cosi’. Io sto solo pensando ad arrivare ai miei livelli, penso a giocare. Quando non faccio gol, sono contento del mio rendimento. Non mi frega niente di quello che dicono. So quello che posso dare e quello che sento per il calcio”.

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA COMPLETO DI CHAMPIONS LEAGUE, OTTAVI DI FINALE

[ad id=”46202″]

Booking.com