Calcio Italiano Milan, è già crisi: Tifosi in rivolta

Milan, è già crisi: Tifosi in rivolta

Stephan El Shaarawy e Mario BalotelliMilan, è già crisi: Tifosi in rivolta. Niente “atto di fede”, come auspicava Adriano Galliani. La campagna abbonamenti procede a rilento, il mercato è fermo e le tre batoste negli Stati Uniti, alla Guinness Cup 2014 hanno fatto il resto: i tifosi sono già in rivolta, a un mese dall’inizio del campionato.

Milan, è già crisi: Tifosi in rivolta. L’entusiamo del raduno a Casa Milan e i proclami di Champions sono lontani: i fans rossoneri sono sconcertati dalla mancanza di un gioco, dalla scarsa tenuta difensiva, dieci reti al passivo in tournèe negli tati Uniti,  e dalle difficoltà a creare occasioni.  El Shaarawy, la grande speranza di questa stagione, è in netto ritardo di condizione, e nel tridente ideato da Inzaghi è spesso il più sacrificato in copertura, limitando le sue proiezioni offensive: una questione tattica che SuperPippo deve risolvere rapidamente.

Milan, è già crisi: Tifosi in rivolta. Come deve essere risolta in fretta la questione Balotelli: SuperMario contro il Liverpool non è partito titolare e sembra destinato all’addio, anche se per ora le pretendenti non hanno ancora fatto un passo ufficiale. Hanno deluso finora Agazzi, Rami e Menez, che dovevano diventare colonne portanti del nuovo Diavolo. Pippo Inzaghi in conferenza stampa ha predicato ottimismo e si è aggrappato alla buona prestazione di Niang, che paradossalmente a giugno era a un passo dall’essere scaricato. Ma il francese, 1 gol in 33 partite in rossonero, non può essere la soluzione.
Milan, è già crisi: Tifosi in rivolta. L’altro guaio è a centrocampo: Essien come regista è un flop, e manca un uomo d’ordine che riesca a guidare la squadra. Galliani è sul mercato, Cerci è l’obiettivo numero uno, ma coprire tutte le falle del Diavolo sembra davvero difficile. Bisogna rimboccarsi le maniche prima che i tifosi perdono la pazienza, perchè un calciomercato del Milan  bloccato da diverse settimane da Robinho, non è da un club più titolato al mondo.
Booking.com