Calcio Italiano Mourinho: “Eto’o è un top come Ibrahimovic”

Mourinho: “Eto’o è un top come Ibrahimovic”

435

MourinhoOra che l’affare Eto’o è ormai giunto a conclusione, Josè Mourinho rompe il muro di silenzio: “E’ un top come Ibrahimovic”. Il centravanti camerunense arriverà a Milano nell’ambito dell’accordo che prevede il passaggio di Ibrahimovic al Barcellona, più un conguaglio di circa 45 milioni di euro in favore dei campioni d’Italia. Il tecnico portoghese spiega anche perché non è voluto intervenire prima d’ora nell’affare. “Volevo proteggere la mia società, che viveva un momento importante. Figuriamoci se avessi detto che mi piaceva di più Eto’o o che mi piaceva di più Ibra. L’Inter era impegnata in un affare importantissimo e tutti si aspettavano una mia opinione, ma avrei rischiato di mettere in difficoltà la società. Ero un pochino arrabbiato, perché nessun allenatore è contento di perdere Ibrahimovic. Ma nessuno non è contento di avere Eto’o: abbiamo perso un top ma ne abbiamo preso un altro“.

Mou ha parlato già con Ibra, non mancando di punzecchiarlo, a suo modo. “Non ho dato nessun consiglio a Ibra, ho parlato con lui qualche giorno prima della decisione finale. Gli ho detto che se vince la Champions con il Barcellona non farà nulla di straordinario, visto che i catalani hanno vinto la Champions per 2 volte in 3 anni. Mi piace fare qualcosa di straordinario, non la normalità. Lui aveva questo sogno e voleva andare. Mi ha detto che gli mancherò, io gli ho detto esattamente la stessa cosa. Va in un club nel quale ho lavorato 4 anni, il Barcellona e’ una società straordinaria e lo fara’ felice“.

Anche secondo il portoghese l’Inter ha fatto un grande affare prendendo Eto’o, più ben 49 milioni di euro, per Ibrahimovic. “Se parlo da manager, dico che l’Inter ha fatto un grande affare: se Ibra vale 50 milioni, Eto’o non vale 49. Questo è un affare da 100 milioni per l’Inter“. E poco importa se ora dovrà cambiare modulo alla sua squadra. “Ibrahimovic è meglio con la palla al piede, Eto’o è meglio quando la palla è nello spazio: sono giocatori completamente diversi“.

Fonte: R. Datasport, DTS
Booking.com