Calcio Italiano Napoli, la formazione anti-Juve è un rebus

Napoli, la formazione anti-Juve è un rebus

598

In vista del match contro la Juve, tanti dubbi per Reja, a partire dal modulo: 3-5-2 o 4-3-1-2?

 

LavezziPrimo dubbio: 3-5-2 o 4-3-1-2? Secondo dubbio: Maggio o Montervino? Terzo dubbio: Datolo o Vitale? La vita è tutta un quiz e il Napoli non si sottrae: verso Torino, Reja si porta una serie di interrogativi però anche una certezza. Non si gioca la panchina, come sottolineato dal dg Marino. Juventus-Napoli è la sera dell’incertezza, perché intanto Reja, che ne ha provate tante in settimana, è stato tentato dal presentarsi all’Olimpico solo con Lavezzi in avanti: tentazione pura, ma alla fine Denis troverà posto.

I SICURI – Dunque, si fa prima a trovare chi è certo della maglia: in porta Navarro; in difesa Santacroce e Cannavaro; in mezzo Pazienza, Blasi ed Hamsik; in avanti Lavezzi. Se Reja gioca a tre dietro, ballottaggio Contini-Aronica, con il primo in vantaggio. Se in mezzo il Napoli gioca a cinque, Aronica può fare il quinto di sinistra e Montervino il primo a destra, con Pazienza-Blasi-Hamsik in campo e Datolo in panchina. Altra ipotesi: 4-3-1-2: a quel punto, Aronica in fascia, Pazienza-Blasi-Datolo-Hamsik a rombo. E ancora, quasi fosse un rompicapo; anche 3-4-1-2: e a questo punto, Hamsik tra le linee, Vitale esterno. Boh!

CURIOSITA’ – La squadra è partita nel tardo pomeriggio da Napoli e all’aeroporto di Capodichino ha incontrato Luciano Moggi, doppio ex in viaggio verso Torino. Saluti e scambio di convenevoli con tutti, poi il decollo. In Piemonte, ad attendere il Napoli, Pierpaolo Marino, impegnato in Lega a MIlano. Non ci sarà De Laurentiis che è impegnato per motivi di lavoro a Los Angeles.

Fonte: Antonio Giordano
Booking.com