Calcio Estero Premier League – Chelsea e Liverpool ok e a -4 dal Man...

Premier League – Chelsea e Liverpool ok e a -4 dal Man Utd

402

I Blues vincono il quarto match in altrettante panchine ufficiali di Hiddink: questa volta basta un 1-0 a Fratton Park contro il Portsmouth. I Reds però tornano a vincere e battono 2-0 il Sunderland

 

ChelseaPiove forte a Fratton Park. E per il Chelsea non pare una serata delle più semplici contro il Portsmouth. Hiddink fa a meno di Anelka, nemmeno in panchina e rimpiazzato da Malouda. L’unica altra modifica al 4-3-2-1 visto con il Wigan è il ritorno di Bosingwa sulla destra difensiva al posto del giovane Mancienne. Inizia la partita ed è subito sofferenza per i Blues, per una sera in maglia gialla. Dopo un minuto Hreidarsson va vicinissimo all’1-0, sfruttando una disattenzione di John Terry e compagni. Il terzino dei Pompey, però, da buona posizione riesce solo a guadagnare un corner. Cinque minuti dopo la palla d”oro tocca a Mullins, che cicca clamorosamente il tiro su assist di Nugent. Il Portsmouth però finisce presto.

Intorno al quarto d’ora, invece, il Chelsea si sveglia. Al 16′ James va a vuoto su un ottimo cross di Ashley Cole dal fondo. Drogba è in ottima posizione, ma non riesce a toccare il pallone. Al 18′ invece James si supera in uscita sull’ivoriano, salvo poi non trattenere un cross di Malouda e creare un nuovo brivido ai propri compagni di squadra. L’ultima traccia dei Pompey è al 22′, quando Davies lascia partire un gran tiro dalla distanza. Cech è sicuro e devia in corner. Al 35′ Lampard riprende il filo del discorso con una conclusione dai 25 metri che mette ulteriormente in evidenza le balbuzie di James. Nel recupero del primo tempo, invece, prima Ballack colpisce la traversa con un’incornata su corner di Lampard, poi Alex impegna severamente il portiere avversario con una punizione tesa. Poco per divertirsi, ma comunque una partita che pare ricca di spunti.

Dire lo stesso della ripresa è quasi impossibile. Il campo si allenta sempre di più, le giocate iniziano a scarseggiare, i ritmi a diminuire. Il Portmouth prende in mano le redini della partita, ma non sa cosa farsene. La prima occasione è al 59′, quando Nugent sfrutta un buco di Terry e conclude a botta sicura su Cech. Il portiere dei Blues però interviene alla grande e salva il risultato. Hiddink capisce che serve un po’ di velocità e inserisce nel giro di due minuti Belletti e Quaresma al posto di Obi Mikel e Kalou. Le cose non cambiano più di tanto, ma quanto meno il Chelsea si sveglia. Al 64′ Belletti sporca i guanti a James con un tiro da fuori. Tra 67′ e 68′, invece, Quaresma sfonda due volte sulla destra e mette dentro altrettanti cross invitanti non sfruttati da Drogba.

Si va verso il finale, ma il Chelsea sembra privo delle forze necessarie per portare a casa i tre punti. Sembra, perché Drogba è in agguato e colpisce. Al 79′ Bosingwa mette un cross dalla destra, Ballack svirgola e il pallone capita sul piede dell’ivoriano . La deviazione è un gioco da ragazzi, quello che vale i tre punti. Resta solo tempo per un brutto colpo di testa di Kranjar in extremis. Il Chelsea conquista il quarto successo in altrettanti match della gestione Hiddink e se ne va da Fratton Park con la sicurezza del secondo posto. Per una sera il Manchester United, con due partite in meno, è a soli 4 punti di distanza. Chiedere di più a una partita così era onestamente difficile.

Tiene il passo il Liverpool, che torna a vincere battendo 2-0 il Sunderland dell’ex Cissé ad Anfield Road. I Reds soffrono non poco per sbloccare il risultato e quando lo fanno è una rete in puro stile Liverpool. Azione caparbia di Gerrard, che con un colpo di testa aggira Fulop. Ad approfittarne è il giovane N’Gog (partito titolare al fianco di Kuyt per l’assenza dell’infortunato Fernando Torres), che al 52′ fa 1-0. La gara va in discesa e la squadra di Benitez va alla carica per il secondo gol. A servirlo è Benayoun, che al 65′ mette dentro da due passi la rete della sicurezza. Con questa vittoria il Liverpool va a quota 58, esattamente come il Chelsea. I Blues, però, sono ancora avanti per la differenza reti. Il secondo posto è tutto di Hiddink.

Fonte: Eurosport

Booking.com