Calcio Mercato Quaresma va via: nessuno si lamenta

Quaresma va via: nessuno si lamenta

659

Il portoghese lascia l’Inter e va in prestito al Chelsea. Dietro questo trasferimento c’è chi vede il tentativo dei nerazzurri di arrivare (magari in estate) a Drogba. Intanto, però, c’è da analizzare la cruda realtà: il portoghese è il “bidone” del mercato 2008-2009…

 

quaresmaEra arrivato come uno dei potenziali protagonisti della stagione. Da lui si pretendeva il salto di qualità in una squadra già fortissima, e che aveva individuato nel laterale portoghese il riforzo principale del mercato estivo.

La storia di Ricardo Quaresma all’Inter termina invece tristemente alle 18:00 di lunedì: prestito al Chelsea che al termine della stagione avrà anche la possibilità di riscattare il giocatore. Questa la formula con cui il portoghese lascia la Milano nerazzurra dopo appena sei mesi di Italia.

Un addio (nonostante non sia ancora definitivo per via della formula del trasferimento) che non fa certo disperare i tifosi nerazzurri. Niente lacrime, niente cortei sotto casa alla Kakà, niente di niente. La trivela se ne va, e nessuno sentirà la sua mancanza.

Un soggiorno anonimo, il suo, che ha deluso persino chi per lui in estate aveva messo la faccia. Josè Mourinho, uno che dice sempre quello che pensa (bisogna dargliene atto), boccia il suo (ex) pupillo e non si oppone al trasferimento del laterale portoghese al Chelsea. In Portogallo era un principe, a Milano non è così. I fischi fanno male, ma bisogna essere professionisti. Parole dure quelle di Mourinho che celano delusione e rabbia per quello che è risultato essere il vero e proprio bidone del mercato estivo d’Europa. Il tecnico portoghese lo aveva paragonato addirittura a Cristiano Ronaldo: un’affermazione un po’ forte, che strappa un sorriso e che diventa quasi difficile da commentare dato l’evolversi della stagione.

Moratti non può che ammettere le difficoltà di Quaresma e lasciare partire il portoghese. Un giocatore, data la cifra importante versata dall’Inter nelle casse del Porto (30 milioni di euro), che andrebbe recuperato, ma che l’evidente disagio del portoghese e la campagna anti-trivela portata avanti da San Siro non consentono ulteriori prove d’appello.

Quaresma se ne va, e con lui la sua famosa trivela, un colpo spettacolare proprio anche di tanti altri calciatori e che a lui, a dirla tutta, almeno nel campionato italiano non è riuscito quasi mai….


Andrea Tabacco / Eurosport

Booking.com