Calcio Italiano Ranieri lancia Trezeguet “Giocherà dall’inizio”

Ranieri lancia Trezeguet “Giocherà dall’inizio”

441

Il tecnico della Juve parla prima della trasferta di Palermo: “Il francese è sicuro, poi vedremo chi affiancargli. Sarà così anche per Chiellini e Camoranesi. Mi auguro che la squadra non pensi già al Chelsea”

 

trezeguetCento giorni per decidere una stagione, la Juventus adesso si gioca tutto. E’ un momento delicato ma Ranieri è ottimista, la sua fiducia deriva dai fatti. Primo: i bianconeri sono ancora in corsa per tutti e tre gli obiettivi stagionali (Scudetto, Champions League e Coppa Italia), secondo: l’infermeria si sta svuotando e i campioni stanno tornando in condizione, terzo: non sempre è la squadra più forte sulla carta a vincere la Coppa dei Campioni. Forte delle sue convinzioni il tecnico juventino prepara la sfida di Palermo con un occhio (o forse di più) al Chelsea.

PALERMO – “Sarà un banco di prova importante per noi, la prova generale per la Coppa dei Campioni. La squadra sta bene, è in salute, abbiamo bisogno di uno slancio in più per fare bene nei prossimi 7 giorni, lo slancio può darlo una vittoria. I prossimi saranno 100 giorni decisivi, abbiamo 18 gare sicure, siamo nel momento clou della stagione e il fatto che l’infermeria si stia svuotando ci da fiducia. Contro il Palermo giocheranno dal primo minuto Trezeguet in attacco, Camoranesi a centrocampo e Chiellini in difesa. Mi auguro che non avremo la testa al Chelsea”.
TREZEGUET – “Davanti stanno tutti bene ma non sono ancora tutti allo stesso livello. Ci sarà un po’ di turnover come anche nelle altre parti del campo. Trezeguet non faticherà a calarsi di nuovo nei meccanismi della squadra: i compagni lo conoscono bene e non credo che si siano dimenticati di come gioca, e lui conosce bene loro. Lui è la Juventus, a vederlo in allenamento si nota che trova sempre la porta, per lui è una cosa importante”.
TIAGO – “Io cerco sempre di fare il bene della società e allo stesso tempo quello dei miei giocatori. Abbiamo investito e creduto in Tiago, all’inizio ha fatto fatica a inserirsi. Ma i compagni hanno fatto moltissimo per lui, stravedono per lui da sempre e credo che abbiamo influito molto nella decisione di rimanere a Torino. Anche io ho sempre creduto in Tiago”.
EUROPA – “Mi guarderò la prossima partita del Chelsea registrata. Buffon ha detto che la Juve è più squadra da Champions che da campionato, le somme le tireremo alla fine. Il campionato fotografa i valori reali delle squadre, la Champions invece è una competizione particolare, non sempre vince la più forte. Davanti a noi abbiamo 4-5 supercorazzate europee, ma le sorprese ogni tanto ci sono e noi ci crediamo. Il Valencia riuscì ad arrivare 2 volte in finale pur essendo una formazione semisconosciuta. Lippi vede una finale Barcellona – Manchester? Forse dal punto di vista dei valori ha ragione ma io non voglio essere d’accordo con Lippi, farò di tutto affinchè la Juve arrivi in finale”.
CAMPIONATO – “Soltanto l’Inter può perderlo, dobbiamo stare sul chi vive e fare una gran gara col Palermo. Ormai siamo abituati a giocare in notturna, è quasi la norma per noi. Anzi, dopo aver giocato a lungo di sera è capitato di giocare di giorno e mi sono accorto che non eravamo gli stessi: i ragazzi non sono macchine, anche loro risentono della variazione dell’ora”.

Fonte: Gazzetta dello Sport di Alberto Mauro
Booking.com