Calcio Italiano Risultati Serie A: La Roma risponde a Juve e Napoli, Samp asfaltata

Risultati Serie A: La Roma risponde a Juve e Napoli, Samp asfaltata

609

[ad id=”46202″]

Risultati Serie A: la Roma risponde a Juve e Napoli, Samp asfaltata. Chiude il programma domenicale il posticipo della 24^ giornata di Serie A. Netta vittoria della Roma sulla Sampdoria: la Roma adesso a -9 dalla Juve ma con una partita in meno, ha vinto meritatamente con il punteggio di 3-0.

Gol nel primo tempo di Destro, nella ripresa prima Pjanic e poi ancora Destro. La Sampdoria non è stata solida ed equilibrata come nelle ultime esibizioni con Mihajlovic in panchina e la Roma ha approfittato di qualche sbandamento difensivo blucerchiato.  Samp che aveva avuto un ottimo impatto con la gara, soffrendo però la superiorità romanista nella seconda parte di primo tempo dove si è fatta sorprendere da Destro che sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Pjanic ha trovato il tempo per l’inzuccata vincente, su cui Da Costa non ha potuto davvero nulla. Nella ripresa buona la partenza della squadra giallorossa che ha raddoppiato al 54’. Gran botta del centrocampista bosniaco Pjanic, che da calcio di punizione prende la palla col collo, supera la barriera e la mette dove Da Costa non può davvero arrivare. Tre minuti dopo il tris della Roma: Gervinho entra in area a sinistra, cede a Destro che protegge palla, gira su sè stesso e col destro scarica un missile sotto la traversa. La Sampdoria subito dopo è sparita dal campo e la Roma si è trovata sul 3-0 gestendo la partita senza affanni. Espulso a pochi minuti dalla fine il difensore ligure Gastaldello.

Risultati Serie A:
Atalanta – Parma 0-4
La Dea mantiene l’iniziativa ma al 9′ va sotto, affondata da un tiro deviato di Molinaro. Mirante salva il risultato in più occasioni e nella ripresa i crociati raddoppiano grazie ad un regalo di Benalouane, che con un retropassaggio di petto sorprende Consigli in ritardo. Il 3-0 arriva appena un minuto dopo, Cassano mette il sigillo su punizione. Nel finale gloria anche per Schelotto, che segna il 4-0.
Cagliari – Livorno 1-2
Primo tempo più amaranto che rossoblu, Emerson porta in vantaggio gli ospiti con una conclusione mozzafiato da oltre trentacinque metri, una perla che lascia di sasso Avramov. I toscani perdono capitan Luci, fuori in barella per infortunio, ma in avvio di ripresa raddoppiano con un calcio di rigore di Paulinho. Al 65′ Nené dimezza lo svantaggio e dà il via al forcing rossoblu. La partita si innervosisce, espulsi Conti, Ceccherini e Benassi, ma il risultato non cambia più.
Genoa – Udinese 3-3
Difese ballerine e spettacolo a Marassi. Apre le danze Basta al 35′, raddoppia per l’Udinese Bruno Fernandes cinque minuti dopo. Nel finale di tempo Konaté riapre la partita segnando il 2-1 di testa. Ripresa ancora più frenetica: Tagliavento in avvio assegna un rigore contestatissimo ai friulani, Muriel realizza il 3-1 con freddezza. Poco dopo Gasperini viene espulso per proteste, ma il Genoa risorge comunque grazie a Gilardino. Il bomber del Grifone al 69′, servito da Fetfatzidis accorcia con un preciso destro. Al 79′ trova il 3-3 sotto misura sugli sviluppi del calcio d’angolo: Ferraris in festa, per Gila è l’undicesima marcatura in campionato.
Juventus – Chievo 3-1
La Juventus fa valere da subito la sua superiorità tecnica e fisica, chiudendo il primo tempo con il doppio vantaggio firmato da Asamoah  e Marchisio.Al 17′ il ghanese porta in vantaggio i campioni d’Italia finalizzando di sinistro una spettacolare azione con Llorente, al 29′ il Principe raddoppia di rapina, dopo una corta respinta di Agazzi su tiro di Pirlo. I fantasmi di Verona si palesano in avvio di ripresa, quando la difesa bianconera, preda di un abbaglio, riporta praticamente da sola in gioco i gialloblu: Lichtsteiner rinvia sul tacco di Caceres, la palombella che ne segue beffa Buffon. A spazzare via la paura Llorente, che al 58′ con una capocciata su cross di Pirlo chiude la partita.
Poi solo da segnalare la rabbia di Conte nei confronti dei tifosi per i fischi a Giovinco al momento del cambio: il tecnico leccese va ad abbracciare la Formica Atomica, che in precedenza aveva mandato a quel paese la curva.
Sassuolo – Napoli 0-2
Il Napoli mantiene il controllo e passa meritatamente al 37′ con Dzemaili con un destro da fuori area. Dopo lo svantaggio il Sassuolo si scuote ma viene salvato nel finale di tempo da Pegolo. Ripresa, Higuain regala un brivido ai tifosi partenopei, il Pipita resta a terra per alcuni minuti dopo un contrasto, poi arriva il raddoppio azzurro firmato da Insigne, destro a giro sul secondo palo a beffare l’ex compagno Cannavaro e Pegolo. Terza sconfitta in tre partite per Malesani.

TABELLINO:

Roma (4-3-3):  De Sanctis – Maicon (55′ Romagnoli) – Benatia (71′ Benatia) – Castan – Torosidis – Pjanic – Nainggolan – Strootman – Florenzi – Destro (82′ Bastos) – Gervinho. Panchina:  Skorupski – Lobont – Jedvaj – Toloi – Taddei – Ricci – Di Mariano – Ljajic. Allenatore: Rudi  Garcia.

Sampdoria (4-2-3-1): Da Costa – De Silvestri – Gastaldello – Mustafi – Regini – Palombo (64′ Obiang) – Krsticic – Soriano (85′ Fornasier) – Gabbiadini – Wszolek (56′ Okaka) – Eder.  Panchina:  Fiorillo – Berardi – Costa – Salamon – Rodriguez – Renan – Bjarnason – Sestu – Sansone.  Allenatore:  Sinisa Mihajlovic.

Arbitro: Celi

Marcatori: 44′ Destro – 54′ Pjanic – 57′ Destro.

Ammoniti: Destro – Strootman –  Gastaldello – Wszolek.

Espulsi: Gastaldello

CLICCA QUI PER I RISULTATI E CLASSIFICA DELLA SERIE A

[ad id=”46197″]

Booking.com