Calcio Italiano Roma, contro il Milan ecco il piano di Ranieri

Roma, contro il Milan ecco il piano di Ranieri

317

Il tecnico giallorosso sicuro: «San Siro ci dirà chi siamo e do­ve potremo arrivare». Contro i rossoneri, Burdisso a destra e Mexes-Juan centrali. Nel 4-4-2 Perrotta ancora a sinistra. Il nodo è il portiere: domani Doni fa un test con l’Anziolavinio. Se è pronto tocca a lui

 

RanieriClaudio Ranieri lo ha detto chia­ramente, «San Siro ci dirà chi siamo e do­ve potremo arrivare». San Siro è dietro l’angolo, domenica prossima, nel postici­po, i giallorossi che negli ultimi anni nello stadio milanese hanno banchettato spesso e volentieri (c’è una striscia di tre vittorie consecutive, per esempio, sul campo del Milan), avranno una risposta importante su quello che potrà essere il loro ruolo in un campionato che, fin qui, ha detto che l’Inter è sempre l’Inter, ma il resto è tutto da verificare. Ranieri ha superato con otti­mi voti la prima fase romanista, undici punti in campionato, secondo solo a Mou­rinho, rimettendo insieme una Roma che dopo le prime due giornate sembrava de­stinata a una stagione di sof­ferenze. Ma visto che Eduardo aveva ragione e cioè che gli esami non fini­scono mai, come peraltro Ranieri sa benissimo, per il tecnico e la sua squadra, do­po questa sosta, ci saranno nuovi appuntamenti da af­frontare e possibilmente su­perare. A cominciare pro­prio dalla sfida di domenica prossima contro il Milan, un appuntamento che per Ra­nieri costituisce un crocevia fondamentale.

IL PIANO – L’allenatore della Roma già da giorni sta lavorando alla squadra da pre­sentare a San Siro. È il primo a sapere che la crisi del Milan per la Roma può costitui­re più un pericolo che un vantaggio, è in­tenzionato a presentarsi in campo con una formazione che conceda poco ai rossoneri e, nello stesso tempo, sia in grado di fare male in fase offensiva. In questo senso sa­rà fondamentale il recupero di Francesco Totti, recupero sul quale oggi, quando il ca­pitano ricomincerà a correre alla ripresa degli allenamenti, se ne saprà qualcosa di più, fermo restando che da parte di tutti c’è ottimismo sul recupero del giocatore. Ranieri punterà su una Roma corta, schie­rata con il fidato quattro-quattro-due, con la tattica del fuorigioco che non dovrà es­sere esasperata (in particolare se dovesse giocare Pippo Inzaghi) e con qualche novi­tà di formazione, soprattutto se l’inferme­ria dovesse restituire al tecnico una buona parte degli infortunati. In particolare Juan, costretto a fermarsi per un’elongazione muscolare.

Fonte: Corriere dello Sport di Piero Torri
Booking.com