Calcio Mercato Serie A – Beckham “Il calcio è la mia vita”

Serie A – Beckham “Il calcio è la mia vita”

356

Il centrocampista inglese è ovviamente felice di restare al Milan. “In carriera ho giocato per tante grandissime squadre e sono contento di aver fatto la mia parte per restare in rossonero”

 

BeckhamIl tormentone è finito. David Beckham resterà al Milan fino alla fine della stagione nel tentativo di garantire quel terzo posto che significherebbe accesso alla Champions League; il suo ritorno ai Galaxy è dunque scongiurato dopo una lunga trattativa che si è conclusa solo domenica con Beckham che conferma di aver anche messo mano al portafoglio perché tutto andasse per il meglio.

“Ci sono stati un sacco di aspetti da mettere a posto nel corso degli ultimi giorni e letteralmente non vedevo l’ora che si risolvesse tutto. Pensavo quasi di essere costretto a fare le valige, e che una decisione sarebbe stata presa magari solo dopo. Ma tutto si è concluso in tempo, dunque bene così. E come ho già avuto modo di dire penso che sia la scelta giusta: in carriera ho giocato per tante grandissime squadre e sono contento di aver fatto la mia parte per restare al Milan. Ho sempre detto che giocare a calcio è la mia vita anche quando molti dicevano che a dominare le mie scelte erano i soldi. Ma qui non si è mai parlato di soldi, a dettare la scelta è stata solo la mia voglia di giocare a calcio, e credo di averlo dimostrato” – le parole del centrocampista inglese.

La scelta di Beckham era ovviamente quella di privilegiare il Milan anche per favorire il suo rientro in pianta stabile nell’Inghilterra di Fabio Capello in vista del mondiale dell’anno prossimo in Sudafrica: “Questa è solo una delle ragioni, ovviamente l’altra è che gioco in una delle squadre più forti del mondo con alcuni dei giocatori migliori del mondo e sono davvero felice di quello che sto facendo qui in questo momento della mia carriera. L’altro motivo è ovviamente quello di potermi allenare in modo eccellente per avere un’occasione di giocare i Mondiali del 2010. Farò qualsiasi cosa per poter giocare con la maglia del mio paese, tutti sanno quando ci tengo e questo mi dà ancora maggiore energia. Ci sono tante persone che mi hanno aiutato in questo lungo percorso e che dovrei ringraziare perché mi hanno consentito di arrivare fin qui e di realizzare tutto questo. Ma ora devo ringraziare me stesso e darmi un’altra opportunità”

Si chiude dunque la telenovela, anzi… la soap opera Beckham: che resta in Italia e diventa il primo rinforzo di un Milan che non sta vivendo un momento straordinariamente brillante.

Fonte: Eurosport

Booking.com