Calcio Italiano Serie A – Leonardo alla prima in campionato

Serie A – Leonardo alla prima in campionato

344

Alla vigilia della sua prima partita ufficiale sulla panchina del Milan, domani sera in campionato a Siena, il tecnico Leonardo è concentrato sugli obiettivi della stagione più che sulla sua condizione di esordiente.

 

LeonardoIl Milan si appresta a fare il suo debutto in campionato con il nuovo allenatore in panchina, Leonardo: “Non sto pensando a fare carriera – ha detto in conferenza stampa a Milanello -, ho risposto a una chiamata della società di cui mi sento completamente parte. Se non sarò allenatore del Milan in futuro non sono preoccupato. L’importante sono gli obiettivi che abbiamo ora”.

Alla domanda se si senta emozionato, il tecnico rossonero ha risposto: “la mia emozione è irrilevante. Nel mio ruolo devo pensare alle emozioni degli altri”. Il tecnico del Milan, Leonardo, non è voluto entrare nella polemica tra José Mourinho e Marcello Lippi, preferendo ricordare gli incoraggiamenti ricevuti da entrambi per la prima stagione da allenatore che si appresta ad affrontare. “Con tutti i problemi che ho da risolvere… – ha risposto allargando le braccia a una domanda sul tema durante la conferenza stampa a Milanello alla vigilia di Siena-Milan – l’unica cosa che so è quello che viene riportato, non voglio aggiungere un’altra opinione”.

“Ronaldinho? E’ il suo momento, ora o mai più”. Leonardo non ha alcun dubbio che la stagione al via domani sarà per il fantasista brasiliano un appuntamento cruciale per tornare sui livelli di un tempo. Il tecnico del Milan sa che “Berlusconi è innamorato di Ronaldinho” ma osserva che “il fatto che l’amore sia cieco è anche positivo”. “Il presidente sa di avere in casa una perla e vuole vederla splendere, e io – spiega Leonardo – che sono l’allenatore e conosco Ronaldinho da sempre, devo farlo rendere al massimo. Oggi ha fatto un bellissimo allenamento e deve comportarsi allo stesso modo in partita sempre, come tutta la squadra”.

Negli ultimi giorni Berlusconi si è espresso sulla posizione del giocatore ma per Leonardo, Ronaldinho “é una mezza punta che dovrà trovare equilibrio con il ruolo di creatore di gioco”. La mancata convocazione della nazionale brasiliana può essere uno stimolo sia per Ronaldinho sia per Pato, sul quale l’allenatore del Milan è pronto a pronosticare una stagione prolifica. “E’ cresciuto anche fisicamente, sta diventando più uomo. L’anno scorso ha segnato 15 gol e se trova continuità potrà farne ancora di più”.

Leonardo infine si è detto “molto felice per ‘in bocca al lupo’ che mi ha fatto Mourinho durante la tournee negli Usa, mi è sembrato sincero e affettuoso”. “Al Trofeo Berlusconi, l’altra sera – ha aggiunto – Lippi è stato veramente carino con me e mi ha dato tanta carica”.


Fonte: Eurosport

Booking.com