Calcio Italiano Serie A – Per correre dietro all’Inter serve lui

Serie A – Per correre dietro all’Inter serve lui

354

Giovinco ha rivoltato come un guanto la partita contro il Bologna, dimostrandosi la vera arma vincente di Ranieri nel momento dell’emergenza. Il suo “vice-Nedved” la Juve l’ha già in casa: ora bisogna solo scommetterci sopra…

 

GiovincoNel momento del bisogno viene fuori l’esperienza… Macchè! O meglio, l’esperienza viene fuori solo alla fine, con Del Piero che si fa perdonare qualche errore di troppo negli ultimi 16 metri mettendo a referto la sua bella doppietta, ma prima c’era stato tanto, tantissimo, quasi solo Sebastian Giovinco.

La Juventus scopre il suo talento più brillante con Ranieri spalle al muro: l’eliminazione dalla Champions e i tanti infortuni potrebbero crollare come un macigno sulla Vecchia Signora dopo il gol di Mutarelli e invece no, perché sul prato dell’Olimpico c’è la “Formica Atomica”, un ragazzino che si diverte sul campo e fa divertire il pubblico, un po’ meno gli interisti.

Sì, perché quel colpo sublime d’esterno destro che spiana la strada bianconera vale sostanzialmente il -4 sui nerazzurri campioni d’Italia, braccati in un momento psicologico difficile dopo il ko dell’Old Trafford: parlare di rimonta forse è ancora prematuro, almeno prima del triplice fischio del posticipo Inter-Fiorentina, ma Mourinho sa già di non poter sbagliare, altrimenti il suo castello potrebbe crollare amaramente, senza nessun Giovinco a tenerlo su.

La prestazione del 23enne torinese contro il Bologna è stata da incorniciare, tanto che viene da chiedersi se non fosse possibile alternarlo maggiormente a Nedved già nel corso della stagione, senza dover aspettare l’infortunio del ceco per schierare titolare un ragazzo che può crescere fino all’immensità, ma solo andando in campo con continuità da titolare.

“Questa è stata la mia migliore esibizione con la Juventus – ha dichiarato il giovane fantasista -. Il motivo? Forse perché ho giocato tre partite di seguito e quindi comincio ad avere una certa continuità. Prima mi mancava il ritmo partita. Con un po’ di continuità in più, un giocatore si esprime di gran lunga meglio”. Un concetto che Ranieri dovrà tenere in considerazione. E’ davvero necessario acquistare un altro ‘vice-Nedved’?

Fonte: Luca Stacul / Eurosport

Booking.com