Calcio Italiano Serie A, spettatori allo stadio: In testa l’Inter, segue il Napoli, terza...

Serie A, spettatori allo stadio: In testa l’Inter, segue il Napoli, terza è la Juve

750

Si tirano i primi dati della stagione 2013/2014 della Serie A. In campionato è la Roma la regina dei top club, con 7 vittorie su 7 partite, e record di reti fatte e subite, ma il dato di pubblico sugli spalti e record per queste prime sette partite di campionato, non spetta alla truppa di Rudi Garcia. Il responso di questa speciale classifica stilata da Stadiapostcards.com, infatti, è a favore dell’Inter con 227.818 tifosi globali a San Siro  e 56.955 di media. Un dato sicuramente incoraggiante, anche se a “trascinare” questa media c’è sicuramente il match contro la Juventus, capace di portare allo stadio ben 79.343 spettatori. Al secondo posto c’è invece il Napoli, che segue a quota 180.633 spettatori generali ed una media di 45.158 a partita. Un dato destinato a schizzare verso l’alto se si considera che finora le avversarie casalinghe del Napoli sono state Bologna, Atalanta, Sassuolo e Livorno..

Al terzo posto di questa speciale classifica c’è invece la Juventus con 115.430 e 38.477 di media. Un abisso quasi incolmabile con le due “regine” Napoli ed Inter, che appaiono già in fuga per lo scettro di squadra con più presenze allo stadio di questa stagione. Sorprende invece la Sampdoria, che finora ha fatto registrare 105.555 spettatori casalinghi con una media però piuttosto bassina di 26.389 (fa da traino il derby contro il Genoa, che da calendario si è giocato in casa Samp). Benissimo il Sassuolo: la squadra neroverde, al primo campionato di Serie A, ha fatto registrare finora 42.617 spettatori ed una media di 14.206: una quota generale che è praticamente pari di quella dell’Udinese (42.885) ed una media nettamente più alta di quella friulana (10.721). Fuori classifica il Cagliari, ancora “in esilio” allo Stadio Nereo Rocco di Trieste: la città giuliana è troppo lontana dal capoluogo sardo per poter permettere una corretta valutazione delle presenze “casalinghe” dei sardi.

Booking.com