Calcio Estero Sunderland, Paolo Di Canio il sergente di ferro: “Sarà una rivoluzione”

Sunderland, Paolo Di Canio il sergente di ferro: “Sarà una rivoluzione”

371

Paolo Di CanioLa chiama rivoluzione, ma ha tutta l’aria di un mezzo regime. Da calciatore, santo e diavolo allo stesso tempo, Paolo Di Canio si è calato alla perfezione nella realtà britannica. Ora, da allenatore in versione sergente di ferro, vuole scardinarne le secolari pessime abitudini.
“Sarà una rivoluzione”, ha annunciato con l’enfasi che gli è propria il manager, sedutosi sulla panchina del Sunderland sul finire della passata travagliata stagione.
“Nei primi 25 giorni l’ho accettato perché mi premeva concentrarmi sul campo – ha spiegato al Daily Telegraph-. Ora, basta però”. Ma, in realtà, già nella scorsa stagione aveva dato modo di far capire che l’andazzo non gli stava affatto bene e aveva così annullato il tradizionale giorno liberol e tuonato contro le vacanze prenotate senza il consenso della società.
Ecco il nuovo diktat del tecnico laziale. “La questione è non tanto su come giochiamo, ma su come è l’approccio mentale al lavoro e a ogni partita – ha sottolineato -. Mi sono concentrato nel cambiare l’intero spogliatoio, cambiando abitudini consolidate, come quelle di usare il telefono in continuazione per mandarsi messaggi, anche durante i massaggi. Se vedo un cellulare lo butto in mare. I giocatori hanno accettato il messaggio. Magari un paio non lo capiranno, ma qualcuno dal quale non mi aspettavo supprto mi sta sorprendendo. Ora tutti arrivano un’ora prima dell’allenamento”.
Anche Sessegnon, gabonese illuminato ma evidentemente poco avvezzo al lavoro sul campo, sembra aver imparato la lezione. “Era il primo ad andarsene, non appena finiva l’allenamento. Ora rimane di più”.
Modificata anche le abitudini alimentari. “Maionese, ketchup, coca cola? Potrebbero provocare problemi di natura chimica allo stomaco, col ghiaccio nella coca cola potresti avere un’indigestione. Tutto qua. Meglio evitare. Come il caffè. Ma i miei giocatori se la spassano fuori di qua, mica stanno male. Devono solo seguire determinate regole per la dieta”.
Per ora, però, i risultati non si sono visti: all’esordio in campionato, i suoi Black Cats sono stati sconfitti 1-0 dal Fulham. Ma, si sa, le rivoluzioni richiedono tempo.
Booking.com