Calcio Estero Supercoppa di Spagna, Barcellona vs Atletico Madrid: Le stelle non hanno brillato,...

Supercoppa di Spagna, Barcellona vs Atletico Madrid: Le stelle non hanno brillato, flop Messi

567

Inizia bene l’avventura di Gerardo Martino sulla panchina del Barcellona. Il Tata porta a casa la Supercoppa di Spagna, vinta grazie allo 0-0 contro l’Atletico Madrid: dopo l’1-1 dell’andata è decisivo il gol di Neymar segnato al Vicente Calderon. Xavi alza l’undicesima Supercoppa della storia blaugrana, quella forse meno brillante degli ultimi anni: Martino parte come da previsioni con Messi e Neyamr insieme dal primo minuto, ma la coppia deve ancora trovare i giusti automatismi e non incide. Anzi, nonostante un possesso palla nel primo tempo a sfiorare l’80%, ad avere la grande occasione è Arda Turan, bravissimo Victor Valdes a dirgli di no. Il Barcellona produce solo un gran filtrante di Fabregas per Messi: controllo approssimativo, gran recupero di Filipe Luis e Courtois interviene. Nella ripresa lo schema non cambia: David Villa spreca il gol dell’ex (sarebbe stato il secondo in altrettante partite) trovando ancora un ottimo Valdes, poi l’Atletico si suicida quando Filipe Luis sgomita per due volte consecutive Dani Alves e viene espulso. E’ il segnale della resa: a due minuti dal termine Pedro si incunea in area e viene steso, calcio di rigore che Messi, in condizioni fisiche precarie, calcia sulla traversa esattamente come aveva fatto a Stamford Bridge nella semifinale di Champions League. A fine gara il rosso tocca anche ad Arda Turan, che perde la testa quando era già stato sostituito. Il Barcellona vince così la Supercoppa, a Diego Simeone restano i grandi complimenti per essersi dimostrato allenatore top, pur senza trofeo tra le mani.

 Perdono la testa nel finale gli uomini di Simeone, a cominciare da Filipe Luis che lascia i suoi in dieci uomini per una serie di colpi proibiti rifilati a Dani Alves a palla lontana. Da lì inizia una caccia all’uomo con Godin che passeggia sulla schiena del terzino del Barça. Spazio per il calcio giocato ce n’è davvero poco: a due minuti dal termine Miranda rovina su Pedro e induce Fernandez Borbalan a concedere il sacrosanto penalty. Dal dischetto si presenta Messi che conferma la sua prova incolore con una traversa piena. Nel burrascoso recupero resta da registrare un’invasione di campo di uno spettatore e la follia pura di Arda Turan, che si fa espellere dalla panchina, prova a farsi giustizia da solo nei confronti dell’arbitro e  rivolge a Borbalan gesti minacciosi. Francamente era lecito attendersi uno spettacolo diverso per una sfida così ricca di stelle.

Booking.com