Coppe Champions League Vietto e Nasri avvisano la Juve: «Il Siviglia giocherà per vincere»

Vietto e Nasri avvisano la Juve: «Il Siviglia giocherà per vincere»

Vietto e NasriVisita in casa Siviglia per parlare con Luciano Vietto e Samir Nasri ed entrambi hanno risposto a un paio di domande sull’imminente sfida con la Juventus.

Il Siviglia guida il Gruppo H con 10 punti, due in più rispetto alla Juventus contro cui ha pareggiato 0-0 a Torino alla prima giornata. Il Lione ha quattro punti, mentre la Dinamo Zagabria ancora zero.

La qualificazione è a un passo per entrambe le squadre, ma quanto conta vincere il girone considerando che attualmente squadre come Manchester City, Bayern e Real Madrid sono seconde nei rispettivi gironi? Lo abbiamo chiesto ai due giocatori del Siviglia.

UEFA.com: Quanto è stato importante pareggiare a Torino per la vostra fiducia?

Vietto: Sì, quella partita in casa della Juventus, quando non abbiamo subito gol, è stata una fonte di ispirazione e ci ha fatto capire quanto potevamo fare bene in questa competizione. Ma ogni partita di Champions League è fonte di ispirazione perché sono tutte difficili, nessuno ti regala niente in questa competizione. La Juventus non è l’unica avversaria forte nel girone, anche le altre due sono forti. Ma tutto dipende da noi.

UEFA.com: Tante grandi squadre sono attualmente seconde nei rispettivi gironi. E’ davvero un vantaggio finire primi in vista del sorteggio? Avete parlato tra di voi di questo aspetto?

Vietto: Sì, ma tutto può succedere nel calcio, non si possono fare troppi calcoli. Faremo del nostro meglio, come al solito. Affronteremo una grande squadra, ma giocheremo in casa e cercheremo di batterla.

UEFA.com: Siete primi in un girone molto difficile, quanto potete arrivare lontano in Champions League? Conviene davvero vincere il girone considerando la situazione negli altri?

Nasri: Abbiamo ancora bisogno di un punto nelle ultime due partite, perché la qualificazione non è ancora certa. Questa squadra ha vinto tre volte la UEFA Europa League e adesso vogliamo almeno i quarti di finale in Champions League. Sarebbe un grande prestigio arrivare tra le migliori otto in Europa. Ma non si sa mai in Champions League, dipende anche dal sorteggio. Di solito finire primi è un vantaggio, ma quest’anno non sono così sicuro che lo sia.

UEFA.com: Che impressione ti ha fatto la Juventus alla prima giornata?

Nasri: Ero assente per infortunio a Torino e ho guardato la partita da casa. M quella Juve era molto diversa da quella attuale. Si stavano riorganizzando dopo aver cambiato molto in estate. Adesso la Juve si è rimessa a marciare e mi aspetto una partita totalmente diversa. L’unica buona notizia è l’assenza di Paulo Dybala che è un grande giocatore. Comunque sarà una partita diversa: a Torino è stata molto tattica ed è terminata 0-0, ma questa volta cercheremo di attaccare e vincere dal primo minuto.

http://it.uefa.com/

Booking.com