Calcio Italiano Vittoria in extremis per Mazzarri

Vittoria in extremis per Mazzarri

341

Napoli supera il Bologna 2-1

 

QuagliarellaVittoria in extremis per il nuovo Napoli targato Mazzarri. Al San Paolo, gli azzurri superano 2-1 il Bologna grazie a un gol di Maggio (91′) su splendido assist di Lavezzi. Vantaggio rossoblu al 15′ con una splendida punizione di Adailton che si infila all’incrocio. Il pareggio del Napoli arriva nella ripresa con Quagliarella (72′), che è lesto ad anticipare Viviano. Espulso l’allenatore del Bologna, Papadopulo, per proteste.

LA PARTITA
Comincia con una vittoria il nuovo ciclo voluto da Aurelio De Laurentiis. Dopo la rivoluzione d’ottobre che ha portato all’addio di Marino e Donadoni, il Napoli targato Mazzarri esordisce con tre punti incredibili, ottenuti dopo una rimonta al fotofinish arrivata grazie alla rete di Maggio al 91′.

Il neo mister degli azzurri si presenta con il 3-5-2 che fu di Donadoni: la notizia, però, è vedere Lavezzi in campo dal primo minuto. L’argentino, dopo la querelle del passaporto, era arrivato a Castelvolturno solo alle 13.40 di sabato. Perdonato da Mazzarri, è partito titolare in coppia con Quagliarella. Cigarini finisce in panchina, in campo Datolo e Aronica. In casa Bologna, Papadopulo sceglie di cambiare modulo e si presenta al San Paolo con l’albero di Natale (4-3-2-1): unica punta Di Vaio, a suo supporto Zalayeta e Adailton.

E’ proprio il brasiliano a sbloccare il risultato a favore dei rossoblu. Dopo 15 minuti giocati a basso ritmo, in cui le due squadre hanno badato esclusivamente a non scoprirsi, arriva l’improvviso lampo: Adailton, con mestiere, si prende un fallo al limite dell’area dopo un contatto (dubbio) con Gargano. Sul successivo calcio di punizione, l’ex genoano dipinge una parabola perfetta che passa sopra la barriera e s’infila all’incrocio dei pali. De Sanctis immobile. Ci si aspetta un’immediata reazione napoletana, invece si assiste esclusivamente ad alcuni, sterili, tentativi da lontano. L’unica vera occasione arriva al 28′ con Lavezzi, che su punizione impegna Viviano in angolo.

La ripresa comincia con Pazienza in campo e Datolo negli spogliatoi. Non cambia nulla. La manovra del Napoli è lenta e compassata, la squadra non si scuote. Il Bologna inserisce Tedesco per Adailton e prova ad addormentare il match. I rossoblu sembrano avere la partita in pugno ma al 69′ ecco la fiammata che accende gli uomini di Mazzarri: sugli sviluppi della stessa azione, prima Lavezzi (di sinistro), poi Cannavaro (di testa), sfiorano il pareggio. L’appuntamento è rimandato di tre minuti: minuto 72, sugli sviluppi di un angolo c’è un confuso batti e ribatti in area bolognese, la sfera arriva tra i piedi di Quagliarella che di punta anticipa Viviano in uscita. Cambia la partita. Adesso il Napoli ci crede.

Il San Paolo si scalda, gli undici di Mazzarri caricano a testa bassa alla ricerca della vittoria, Al 79′, però, De Sanctis è costretto al miracolo su Di Vaio lanciato a rete. Cinque minuti più tardi Lavezzi sciupa una devastante azione personale calciando sopra la traversa. E’ il preludio del gol partita. Che arriva al primo minuto di recupero quando Lavezzi, da sinistra, è geniale nel pescare a centro area Maggio: l’esterno deve solo spingere in rete per il 2-1 definitivo. “Sarà una partita difficile, difficilissima, la più complicata della mia gestione”, aveva detto Mazzarri alla vigilia. E’ stata esattamente così, con un Napoli poco brillante che si è salvato solo grazie ai suoi gioielli. Per il nuovo mister ci sarà da lavorare.

LE PAGELLE
Hamsik 5,5: da lui ci si aspetta sempre qualcosa in più. Uno spunto, un lampo, un assist, una discesa, una magia. Oggi, invece, è apparso un giocatore come gli altri.

Lavezzi 7: doveva partire dalla panchina a causa della vicenda passaporto, si diceva. Mazzari gli dà invece fiducia e lui lo ripaga giocando alla grande. Capita che faccia errori elementari, però è l’unico in grado di accendere la squadra con giocate d’alta scuola. Propizia il gol vittoria al minuto 91. Ma non doveva essere stanco per il viaggio intercontinentale?

De Sanctis 6,5: dopo tante critiche, una prestazione degna di nota. Sempre sicuro, sulla punizione di Adailton non può nulla. Nella ripresa salva il risultato con un miracolo su Di Vaio.

Adailton 7: in campo dal primo minuto, torna subito a segnare dopo il gol alla Juventus. Questa volta la firma arriva con un calcio di punizione che sembra un dipinto da galleria d’arte.

Zalayeta 5: l’ex torna a Napoli e sembra patire il clima ostile che i tifosi gli riservano. Mai in partita, è disattento in occasione del gol di Quaglierella.

Cesare Zanotto

IL TABELLINO
Napoli-Bologna 2-1
Napoli (3-5-2):
De Sanctis 6,5; Campagnaro 6 (34′ st Pià sv), P. Cannavaro 6, Contini 6,5; Maggio 7, Hamsik 5,5, Gargano 6, Datolo 6 (1′ st Pazienza 5,5), Aronica 5; Quagliarella 6,5, Lavezzi 7 (48′ st Rinaudo sv). A disposizione: Iezzo, Grava, Cigarini, Denis. All.: Mazzarri
Bologna (4-3-1-2): Viviano 6,5; Zenoni 6, Britos 6,5, Portanova 6, Lanna 5,5; Guana 6, Mingazzini 5,5 (22′ st Mudingayi), Valiani 5,5 (48′ st Osvaldo); Adailton 7 (10’st Tedesco), Zalayeta 5; Di Vaio 5,5. A disposizione: Colombo, Moras, Vigiani, Gimenez. All.: Papadopulo
Arbitro: De Marco
Marcatori: 15′ pt Adailton (B); 72′ Quagliarella (N); 91′ Maggio (N);
Ammoniti: Valiani (B); Contini (N); Britos (B); Mudingayi (B); CAnnavaro (N);
Espulsi: 85Papadopulo (B) per proteste


Fonte: Sport Mediaset

Booking.com