Calcio Italiano Zuniga, pressing Juve. Napoli tenta De Ceglie

Zuniga, pressing Juve. Napoli tenta De Ceglie

404

L’agente del colombiano: «Se le società trovano l’intesa…». Spiega Calleri: «Juan è felice degli apprezzamenti, anche se ora pensa solo a far bene in azzurro». Rafinha e Behrami sono le principali alternative nel mirino di Secco
ZunigaQuestione di de­stra e di sinistra (ma cos’è la destra, cos’è la sinistra…). E allora specifichiamo: que­stione di fascia destra e que­stione di fascia sinistra. Nel­la fattispecie, la fascia sini­stra della Juventus – ipe­raffollata, con Grosso, Mo­linaro e De Cegllie – e quel­la del Napoli, ancora tutta da sistemare e nella quale spesso e volentieri è costret­to a reinventarsi Zuniga. Vien da sé, insomma, che le due società stiano ragionan­do su un’operazione che ­per una volta – non rischia di scontentare nessuno, semmai di risolvere un dop­pio problema sia pure a fronte di un ridotto investi­mento economico. Il diretto­re sportivo bianconero Ales­sio Secco, infatti, sta insi­stendo per mettere le mani sull’esterno colombiano (in vetta alla lista delle prefe­renze, insieme con il brasi­liano dello Schalke 04, Ra­finha) almeno quanto Aure­lio De Laurentiis sta “con­trattaccando” per ottenere un suo vecchio pallino, De Ceglie (oppure Molinaro).

TRATTATIVA – I contatti si infittiscono, la bozza d’ac­cordo – nel caso – prevede uno scambio di compro­prietà: posto che davvero la Juventus decida di cedere alle insistenze partenopee per De Ceglie e posto che De Ceglie decida di accettare l’eventualità di un trasferi­mento. Il fatto che si lavori sullo scambio di compro­prietà è motivato proprio dalla grande fiducia che Ju­ventus e Napoli nutrono nei loro due giocatori, ragion per cui non sono facilmente disposti a vederseli sfuggire completamente di mano ri­schiando poi di pentirsene. De Laurentiis, ad esempio, ha appena investito la bel­lezza di 8 milioni e mezzo di euro per acquistare Zuniga dal Siena, mai e poi mai vor­rebbe scoprire – tra qualche anno – d’aver avuto per le mani il nuovo Cafu e di es­serselo fatto sfuggire dopo appena tre mesi. Stesso di­scorso vale per la Juventus e De Ceglie, che ha appena 23 anni e rappresenta una delle migliori promesse del calcio italiano. Consentire ad entrambi di scendere in campo con continuità, piut­tosto che costringerli in pan­china e farli giocare in un ruolo improprio, non può che giovare a tutte le parti in causa.

APERTURA – Zuniga, del re­sto, è nel mirino bianconero già dall’estate. Se ne era lungamente parlato con il Siena, prima che Secco e Blanc decidessero di convo­gliare gli sforzi economici verso altri ruoli e prima che il Napoli affondasse il colpo. Ora, però, tutto è tornato d’attualità. Anche perché a dispetto di Rafinha, Zuniga ha il vantaggio di avere pas­saporto comunitario e di co­noscere già bene il campio­nato italiano, inoltre il di­scorso della comproprietà potrebbe ulteriormente age­volare il buon esito dell’affa­re. Riccardo Calleri, l’agen­te del colombiano, spiega: « Ovviamente l’interessa­mento di un club come la Juventus fa piacere, Juan Camilo ne è felice. Al mo­mento è concentratissimo sul Napoli e vuole innanzi­tutto dimostrare le sue qua­lità, ma se i due club doves­sero trovare l’accordo, beh, ovvio che la possibilità di giocare in Champions Lea­gue alletti qualunque gioca­tore. Però ripeto: ora è con­centratissimo e vuole far be­ne con Mazzarri ». Anche se, immaginiamo, oltre che dal­la opportunità di giocare in Champions, Zuniga potreb­be anche essere attratto dal­la possibilità di tornare a giocare sulla fascia destra, dove ora giostra Maggio.

ALTERNATIVA – A Blanc e De Laurentiis, dunque, il compito di arrivare a un’in­tesa. Mentre Secco continua a vagliare le piste differenti. Come detto, Rafinha è la principale alternativa al co­lombiano. Alternativa un po’ più costosa, visto che l’ini­ziale richiesta dello Schalke si aggira intorno a quota 10 milioni di euro l’agente, Naor Malaquias: «Non sarà facile prenderlo già a gen­naio, ma di sicuro alla Juve o al Milan può far bene » ) . Ne vale la pena, per un gio­catore che non ha mai gio­cato nel campionato italia­no? A questo proposito, è emerso negli ultimi giorni un nome nuovo: Valon Beh­rami, ora al West Ham, ma ex di Genoa, Verona e Lazio.

Fonte: Tutto Sport di Fabio Riva
Booking.com