Mondiali Brasile 2014 Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: Rossi c’è

Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: Rossi c’è

Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: Rossi c'èAmichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: Rossi c’è. Inizia l’avventura della Nazionale Italiana di Cesare Prandelli, con l’amichevole di lusso a Londra contro l’Irlanda, domani sera al Craven Cottage.

Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda. La truppa azzurra è carica dopo il tanto lavoro svolto nel ritiro azzurro a Coverciano provando schemi tattici nelle varie soluzioni che Prandelli ha provato. Alla vigilia dell’amichevole, Cesare Prandelli è stato molto categorico nell’affrontare questo match: “Non è una partita sperimentale, ma dove avremo modo di analizzare la proposta che metteremo in campo, dal punto di vista del modo di stare in campo. In linea di massima, dopo l’allenamento dell’1 daremo i ventitré. L’amichevole di domani è un test importante per capire il recupero delle forze dalla gara. Devo capire anche l’aspetto caratteriale della squadra: certamente non saremo brillanti, ma dovremo avere la forza di guardare avanti, perché è nella difficoltà che analizzi meglio la condizione dei giocatori e la situazione tattica”.

Con l’undici da mandare in campo ha fatto capire: “Iniziamo con Sirigu, Darmian, Paletta, Bonucci, De Sciglio, Thiago Motte, Verratti, Montolivo, Marchisio, Giuseppe Rossi , Immobile”.

Prandelli non fa affidamento sul singolo giocatore, nell’ amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: “C’è un gruppo di ragazzi che stanno tutti più o meno sullo stesso livello, sono tutti pronti e preparati. Hanno lavorato tutti con la massima dedizione ed ill massimo impegno”.

Ha messo l’accento anche su Verratti e Pepito Rossi “In questo momento abbiamo pensato di mettere quei giocatori che hanno qualità particolari in grado di saperle esprimere. Domani vedremo Marco come si comporterà in campo. Tutte le volte che mi si chiedeva di lui, ho sempre detto che non doveva limitarsi a specializzarsi in un ruolo, senza aver paura a seguire determinate proposte. Se ho quattro cinque giocatori che hanno caratteristiche di palleggio, voglio poterli mettere insieme. Stiamo iniziando a proporre qualcosa di diverso, ma non voglio dare nessun tipo di vantaggio agli avversari”.

“I dubbi rimangono dentro di me, non li vorrei affrontare ora. In Rossi vedo qualcosa di particolarmente meraviglioso: la sua serenità interiore, la sua voglia di superare le difficoltà. È chiaro, però, che poi c’è la partita. La cosa che dobbiamo vedere è proprio la tenuta su pressioni e contrasti e la sua libertà mentale di accettare i contrasti. Per come si sta preparando, mi aspetto una grande prova da lui. Ha superato tutti i test fisici di controllo, non è un giocatore a rischio: vogliamo solo capire se, a livello psicologico, certi movimenti sono stati affrontati. Nell’ultima partita di campionato ha giocato un’ora, da noi ha lavorato dieci giorni senza mai fermarsi: sono tutti segnali positivi… Comunque, domani ci sarà la partita, che dovrà essere affrontata con la giusta concentrazione: io sono convinto che lui, in questi giorni, abbia lavorato bene soprattutto su questa partita. Per me lui, domani, è come se giocasse la prima partita del Mondiale”.

Si è soffermato anche su Antonio Cassano per Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda: “Si è presentato bene, motivato, non si è mai lamentato, quindi vuol dire che anche lui ha un grado di sopportazione alto”.

Ha parlato Cesare Prandelli anche degli avversari per l’Amichevole pre-mondiale, Italia-Irlanda:  “Non temo infortuni, mi auguro proprio di no. La conosciamo bene, gioca con un 4-4-1-1, è una squadra fisica e a noi va bene perché dovremo rispondere caratterialmente a questo tipo di calcio. Le partite ormai hanno un andamento non lineare, quindi domani sera avremo la prima difficoltà di contrastarli sotto il profilo fisico. Ha anche due giocatori, quelli nuovi, giovani, interessanti anche sotto il profilo tecnico”.

Booking.com